Visualizzazione post con etichetta geopolitica. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta geopolitica. Mostra tutti i post
giovedì, gennaio 26, 2017

Gran Bretagna e Stati Uniti, May a Trump: "Guidiamo il mondo"

Dichiarazione di intenti di Theresa May nel corso della sua visita negli Usa per incontrare il presidente Donald Trump.

Gran Bretagna e Stati Uniti possono ancora una volta "guidare il mondo". E' quello che avrebbe affermato la premier britannica Theresa May, in viaggio verso Washington per incontrare il nuovo presidente degli Stati Uniti Trump. May, che sarà la prima leader straniera a incontrare il neo presidente, si rivolgerà anche ad una platea di leader... (continua)
mercoledì, novembre 30, 2016

Libia, Putin vuole costruire base militare vicino alle coste della Sicilia

Quando domenica scorsa il Generale libico Khalifa Haftar è arrivato a Mosca, su pressione degli Emirati Arabi Uniti, sapeva che avrebbe ricevuto una proposta di collaborazione in campo militare. Ma la richiesta che gli ha fatto l’esercito russo deve averlo, almeno di prima battuta, sorpreso: il Cremlino vuole costruire una base militare in Libia, vicina alle coste della Sicilia. Si tratterebbe della prima base militare russa nel Nord Africa. 

di Daniele Chicca

WSI - Secondo le fonti di intelligence citate da DEBKAfile, il presidente Vladimir Putin potrebbe costruire una seconda base nel Mar Mediterraneo, sulle coste di Bengasi, dopo quella permanente dell’aeronautica militare russa presente a Laodicea, in Siria (la base Hmeymim). Sempre in Siria il porto della logistica a Tartus diventerà una base navale completa a disposizione della Russia. La nuova base russa in Libia ospiterà invece unità sia navali sia aeree, che si troveranno dunque a soli 700 chilometri dall’Europa... (continua)
martedì, novembre 15, 2016

Presidente Duterte, se i terroristi di Daesh entrano nelle Filippine diritti umani sospesi

Il Presidente della Repubblica delle Filippine, lancia un avvertimento chiaro: se il sedicente Stato islamico varca i confini nazionali saranno ignorati gli obblighi sui diritti umani.

di Dario Cataldo

Rodrigo Duterte, conosciuto in patria per via della rigida politica di ordine pubblico e la scarsa tolleranza contro le organizzazioni criminali, si è guadagnato di recente l'appellativo di "Donald Trump delle Filippine". Duro contro il terrorismo, avverte il popolo a stare pronti ad eventuali minacce islamiche... (continua)
lunedì, novembre 14, 2016

Trump: “Faremo il muro con il Messico. Via 3 milioni di clandestini”

Il muro al confine con il Messico si farà e sarà a carico dei messicani al 100%, parola di Donald Trump nel corso della sua prima intervista da neo presidente degli Stati Uniti rilasciata alla Cbs.

di Alessandra Caparello

New York(WSI) - Il magnate oggi inquilino della Casa Bianca ha confermato l’intenzione espressa in campagna elettorale, precisando che per una parte si tratterà di un muro, per un’altra di uno steccato.

“In queste cose sono bravo, si tratta di edilizia (…) Una volta rafforzata la frontiera con il Messico sarà presa una decisione sul destino dei migranti non criminali, ma illegali”... (continua)
lunedì, ottobre 31, 2016

Ceta, la firma per l'accordo Ue-Canada è arrivata

Trovato l'accordo per il trattato commerciale intercontinentale, dopo il no della Vallonia.

Via libera al Ceta, l’accordo di libero scambio tra Unione europea e Canada. Il trattato apre un nuovo capitolo nel commercio tra le due parti che, insieme costituiscono un mercato di 536 milioni di consumatori. Negoziato nel corso degli ultimi 7 anni, l'accordo eliminerà il 98 per cento delle barriere doganali tra Unione Europea e Canada e permetterà agli esportatori europei di risparmiare fino a 500 milioni di euro l’anno... (continua)
sabato, ottobre 22, 2016

Ceta, il No vallone blocca gli accordi Ue-Canada

Fallito ieri il tentativo di mediazione per arrivare a un'intesa. Il trattato doveva essere approvato da tutti gli attori europei e, per la legge belga, la Vallonia lo è.

Niente Ceta, siamo valloni. Con il rifiuto di una regione del Belgio, la Vallonia, a firmare il Ceta, l'accordo di commercio euro-canadese, il Vecchio Continente rifila un altro 2 di picche ai trattati intercontinentali. E' passato, infatti, il principio che il trattato debba essere approvato da tutti gli attori politici europei, ciò che, in base alla costituzione belga, significa il voto di sette diverse entità e regioni. Non è bastato, dunque, l'accordo di tutti i paesi, una regione ha puntato i piedi e tutto è saltato... (continua)
domenica, ottobre 16, 2016

Uno Studio Ovale con vista sul Cremlino

Chiunque vincerà le elezioni americane dovrà fare i conti con la Russia, e non sarà semplice. In gioco ci sono le relazioni fra due dei principali colossi mondiali. Per i russi, se Donald Trump è considerato un uomo privo di risposte, Hillary Clinton preoccupa ancora di più per la sua storia. Le elezioni viste dagli Urali.

di Lorenzo Carchini

L'ultima volta che un sondaggio indipendente, quello di Levada, ha analizzato le opinioni dei russi sui candidati presidenziali statunitensi era Agosto. Appena il 12% affermò di seguire la corsa con interesse, ben il 73% ammetteva di averne soltanto sentito parlare. Tra coloro che maggiormente avevano seguito la vicenda, il 39% vedeva in Trump il miglior presidente nell'interesse russo, solo il 15% per Hillary. Dati che confermavano le previsioni ufficiali di Luglio: il 34% degli "informati" prevedeva dei rapporti Usa-Russia migliori sotto il tycoon newyorkese, piuttosto che con l'ex First Lady (6%)... (continua)
venerdì, ottobre 14, 2016

Nato, militari italiani in Lettonia. L'ira di Mosca: "Strategia distruttiva"

Gentiloni dalla Farnesina: "Invieremo 140 uomini dalla primavera 2017 al confine con la Russia, ma non è aggressione.". Mosca: "Politica Nato distruttiva". Critiche le opposizioni.

I militari italiani saranno schierati in Lettonia "come deciso nel vertice di Varsavia". Parole del ministro della Difesa, Roberta Pinotti, a margine all'assemblea Anci, a Bari. Il vertice aveva deciso di formare un contingente Nato nell'ambito del progetto di rafforzamento delle frontiere orientali del patto atlantico. Il caso è scoppiato alla luce dell'intervista del segretario della Nato Stoltemberg sulle colonne de La Stampa... (continua)
venerdì, ottobre 07, 2016

Premio Nobel per la Pace a Juan Manuel Santos per il trattato Governo-Farc

La dedica al popolo colombiano, nonostante proprio il referendum popolare abbia bocciato lo storico accordo per mettere fine alla guerra civile.

Il presidente della Colombia, Juan Manuel Santos, si é aggiudicato il premio Nobel per la Pace 2016. E' stato premiato, dunque, l'accordo di pace in Colombia tra lo Stato e le Farc che, fino alla bocciatura nel referendum, sembrava essere il vincitore naturale di questa edizione. Un premio prestigioso accettato ""in nome del popolo che ha sofferto così tanto durante questa guerra". Più che un premio uno "stimolo" a proseguire nelle trattative per la pace... (continua)
martedì, settembre 27, 2016

Trump promette tutta Gerusalemme a Israele

Il premier israeliano Netanyahu dorme sonni tranquilli: anche la democratica Clinton è pronta a garantire il massimo del sostegno allo Stato ebraico

di Michele Giorgio 

Nena News - In attesa della sfida dell’anno, i due candidati alla presidenza degli Stati Uniti due giorni fa, incontrando il premier israeliano Netanyahu, hanno offerto un assaggio dei loro programmi “innovativi” per il Medio Oriente e per il conflitto israelo-palestinese. L’appoggio americano a Israele, più deciso e meno polemico di quello garantito per otto anni dall’Amministrazione Obama, è un caposaldo dei programmi sia della democratica Hillary Clinton che del repubblicano Donald Trump. Entrambi si sono guardati bene dall’affermare il diritto dei palestinesi ad essere liberi dall’occupazione israeliana ed indipendenti in un loro Stato... (continua)
domenica, settembre 25, 2016

Siria: i signori della guerra non vogliono la tregua

L’unico output della tregua è l’escalation militare: a suggellarla è stato giovedì sera l’esercito del presidente Assad che ha lanciato una nuova controffensiva su Aleppo. 

di Chiara Cruciati il Manifesto

Nena News - Mentre all’Onu i 23 paesi dell’International Syria Support Group chiudevano il meeting con un nulla di fatto, sul sito del governo appariva un messaggio ai residenti: state lontani dalle postazioni dei gruppi armati (difficile visto che sono nascosti tra i civili) e raggiungete i checkpoint dell’esercito (ancora più difficile vista l’assenza di corridoi umanitari)... (continua)
martedì, settembre 06, 2016

Il G20 tra governance mondiale e Hangzhou consensus. Intervista a Simone Pieranni

La prima volta della Cina come ospitante dell'incontro tra i grandi della Terra, l'affermazione di Pechino come vera potenza mondiale ed interlocutore credibile nel mondo. Resta però il problema di ogni documento conclusivo: promesse impegnative sulla carta e ancor più difficili da applicare. Ne abbiamo parlato con il giornalista e scrittore, esperto di Cina, Simone Pieranni.

Intervista di Lorenzo Carchini



Un G20 "principalmente utile per la Cina". Così Simone Pieranni, giornalista,scrittore, fondatore dell'agenzia China Files e redattore per gli esteri de Il Manifesto, ha descritto l'ultimo G20 tenutosi a Hangzhou. Un incontro le cui aspettative non erano altissime e l'attenzione era perlopiù dedicata alle situazioni internazionali di grande urgenza, come la Siria... (continua)
lunedì, settembre 05, 2016

Cina, concluso il G20, i grandi della Terra si sono incontrati a Hangzhou

Il summit internazionale è arrivato in un momento critico sia per la politica internazionale che per l'economia cinese. Molte le dichiarazioni di circostanza, con un comunicato finale come sempre più vicino al "sogno" che alla veglia, sottolineando i legami tra "riforme strutturali, commercio, investimenti e Pil". Ratificato l'accordo di Parigi sulle emissioni anche da Stati Uniti e Cina, mentre la Francia inserisce una blacklist dei paradisi fiscali.

di Lorenzo Carchini

Si è aperto domenica il G20 di Hangzhou, una delle sette capitali storiche della Cina. Un summit atteso più per la location che non per l'effettivo contenuto dei temi che si sono andati ad affrontare. È infatti la prima volta che il colosso asiatico ospita fra i grandi della Terra e Pechino, sin da Brisbane nel 2014, aveva proclamato la sfida dell'innalzamento del Pil globale di due punti percentuali in cinque anni
... (continua)
sabato, settembre 03, 2016

Uzbekistan, giallo sulla morte del dittatore Islam Karimov

Un regime che, indisturbato, ha violato qualsiasi diritto umano ed un paese strategicamente troppo importante nell'Asia Centrale. Causa della morte sarebbe stata un'aneurisma celebrale, ma resta il giallo dopo una giornata di annunci e smentite. Secondo gli analisti non ci sarà cambio di regime, ma al momento manca un successore.

È arrivato soltanto nella notte di ieri la notizia della morte del dittatore dell'Uzbekistan, Islam Karimov, dopo una giornata di annunci e smentite, segno di grande incertezza nella repubblica ex sovietica dell’Asia centrale che ha una enorme importanza strategica. Senza un successore e senza sapere chi al momento sia reggente, il paese si appresta a vivere una fase di transizione della quale ignoriamo la durata e la violenza... (continua)
giovedì, agosto 25, 2016

Corea del Nord lancia missile balistico nel Mar del Giappone

Dopo i recenti test militari avvenuti il 23 aprile e il 9 luglio la Corea del Nord ha lanciato ancora una volta un missile balistico da un sottomarino.

Radio Vaticana - Il Comando del Pacifico degli Stati Uniti ha rintracciato il missile caduto al largo delle coste giapponesi, sul Mar del Giappone. Da quando il leader Kim Jong-un è salito al potere nel 2011, la nazione ha testato più di 30 missili. Il premier giapponese Shinzo Abe definisce l’iniziativa della Corea del Nord “una grave minaccia alla nostra sicurezza nazionale; è un atto oltraggioso che compromette gravemente la pace e la stabilità nella regione”... (continua)
martedì, agosto 16, 2016

Russia e Stati Uniti insieme per la Siria

Da Mosca la clamorosa notizia che potrebbe realmente contrastare il terrorismo fomentato dal sedicente Stato islamico.

Russia e Usa sono vicini all'inizio di una lotta comune contro i terroristi Isis ad Aleppo, in Siria. A riportare la notizia, è l'agenzia di stampa russa Ria, citando come fonte il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu, il quale dichiara: "Siamo in una fase molto attiva dei negoziati con gli statunitensi sia a Ginevra che ad Amman e abbiamo contatti regolari con Washington"... (continua)
martedì, agosto 09, 2016

“Perché Trump è l’uomo più pericoloso del mondo”

“Se Donald Trump venisse eletto presidente potrebbe realizzare quello che un centinaio di divisioni militari sovietiche non sono riuscite a fare lungo tutto il corso della Guerra Fredda: spaccare la Nato e porre fine all’alleanza di successo tra le democrazie transatlantiche”.

di Alberto Battaglia  

WSI - A dirlo è Jorge Benitez direttore della NatoSource ed esperto di sicurezza internazionale. Il commento di Benitez ragiona su quella che potrebbe essere la più pericolosa delle affermazioni del candidato repubblicano alla Casa Bianca: il fatto che non sarebbe scontato l’intervento americano in caso di aggressione mossa contro uno degli alleati Nato... (continua)
giovedì, agosto 04, 2016

Missile nordcoreano nel Mar del Giappone: protesta di Tokyo

La Corea del Nord ha lanciato oggi due missili verso il Mar del Giappone, in nuovo test militare, il secondo del mese di luglio. Dura la protesta del Tokyo. Ce ne parla Sergio Centofanti:

Radio Vaticana - Uno dei due missili nordcoreani è esploso subito dopo il lancio, l’altro, dopo aver percorso 1000 chilometri, è caduto nelle acque territoriali giapponesi a 250 chilometri dalla penisola di Oga, nota ai turisti per uno dei più grandi acquari del mondo. Durissima la protesta di Tokyo, allarmata per la sua sicurezza aerea e navale. Il Giappone, che ha ordinato lo stato d'allerta alle proprie forze di difesa, ha definito lo sviluppo nucleare e missilistico della Corea del Nord "una minaccia grave e imminente" alla regione e alla sicurezza internazionale e afferma che la tecnologia nordcoreana potrebbe aver raggiunto la capacità di miniaturizzare armi nucleari... (continua)
mercoledì, agosto 03, 2016

Trump spara a zero sul Presidente Obama: "Un disastro"

Duro attacco del Candidato repubblicano all'attuale Presidente della Casa Bianca. Aumentano le divisioni tra le due fazioni, con la Clinton che sembra aver guadagnato nei sondaggi.

di Dario Cataldo

Il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, è stato un "disastro", è "debole, inefficace". Parole e musica di Donald Trump, che risponde per le rime alle critiche mossegli da Obama, che ieri lo aveva definito "miseramente impreparato" e dunque "inadatto" a succedergli... (continua)
giovedì, luglio 28, 2016

Est-Nato-Saud, il triangolo delle armi che incendia la Siria

Cinquanta morti in un doppio attacco dell’Isis contro i kurdi a Qamishli, mentre un dossier rivela la vera via del terrore. La “rotta balcanica” attiva dal 2012 ha smerciato 1.2 miliardi di dollari poi arrivati a “ribelli” e islamisti.

di Chiara Cruciati – Il Manifesto

Nena News - Qamishli ci sono da seppellire 50 persone, uccise da un doppio attacco rivendicato dallo Stato Islamico. Nei video amatoriali la città – considerata capitale de facto di Rojava, il Kurdistan siriano che ha tentato la via dell’autonomia – mostra ferite molto più vecchie: il camion imbottito di esplosivo, saltato in aria di fronte ad un centro di reclutamento delle unità di difesa Ypg, ha devastato la devastazione. Intorno gli scheletri delle case sono il segno di anni di conflitto... (continua)


___________________________________________________________________________________________
Testata giornalistica iscritta al n. 5/11 del Registro della Stampa del Tribunale di Pisa
Proprietario ed Editore: Fabio Gioffrè
Sede della Direzione: via Socci 15, Pisa