Visualizzazione post con etichetta immigrazione. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta immigrazione. Mostra tutti i post
lunedì, giugno 05, 2017

Migranti, arrivata la nave con la bimba rimasta orfana durante la traversata

La bimba di 15 mesi rimasta orfana era a bordo della nave di Save the Children. Diverse le persone ustionate o ferite.

Una traversata senza fine quella che ha coinvolto i migranti approdati stamani a Trapani, con la nave di Save the Children: sono 125 migranti, tra cui la bimba di 15 mesi che durante la traversata ha perso la mamma. La piccola è stata salvata da altre donne presenti sul gommone. A bordo della nave ci sono anche 25 minori, di cui 21 non accompagnati, 5 bambini e diverse donne incinte, oltre a 4 cadaveri. Diverse le persone ustionate o ferite... (continua)
lunedì, maggio 29, 2017

Catania: arrivata nave con 900 migranti e 10 cadaveri

E' arrivata nel porto di Catania la nave San Giusto della Marina Militare,con 929 migranti a bordo, salvati in diverse operazioni, e 10 salme. Dall'inizio dell'anno sono sbarcati sulle coste italiane 54.395 migranti, il 34,35% in più dello stesso periodo del 2016.

Alle 8 del mattino di oggi, a Catania è arrivata la nave “San Giusto” della
Marina Militare con a bordo 929 persone e 10 salme. Ad attenderli nel porto siciliano, le forze dell’ordine, militari e croce rossa. Tra i salvati, in diverse operazioni, ci sono anche 20 bambini.Attesa a Pozzallo la nave "Gregoretti" della Guardia Costiera, che ha a bordo circa 250 migranti e altri 2 cadaveri. Ieri sono arrivati a Palermo, sul rimorchiatore Vos Thalassa, altri 1.040 migranti... (continua)
giovedì, maggio 18, 2017

ONG e soccorso in mare, conclusa l’indagine conoscitiva

Si è conclusa al Senato l’indagine conoscitiva svolta dalla commissione Difesa sul “contributo dei militari italiani al controllo dei flussi migratori che interessano la rotta del Mediterraneo e sull’impatto delle attività delle Ong“.

Amnesty - “Ben venga la sollecitazione alla massima trasparenza da parte delle Ong – ha commentato in una nota ufficiale il direttore generale di Amnesty International Italia Gianni Rufini -, ma prima di chiedere loro di astenersi dal salvare vite umane nel Mediterraneo sarebbe fondamentale pretendere che il rispetto dei diritti umani di chi fugge da guerra e persecuzione tornasse al centro delle politiche dell’Unione europea” ... (continua)
martedì, maggio 16, 2017

Mons. Perego (Cei): nessuna "strumentalizzazione" sui migranti

A seguito della sentenza della Cassazione sui migranti che devono conformarsi ai valori della cultura italiana, il direttore della fondazione della Cei "Migrantes", lancia un appello per evitare possibili manipolazioni o abusi politici.

di Dario Cataldo

La sentenza della Cassazione sui migranti non è passata inosservata. Con la richiesta di conformarsi ai nostri valori l'Istituto giudiziario rilascia una norma che è "molto equilibrata", ma ora la politica non la "strumentalizzi" in maniera "ideologica o per fini elettorali". Così monsignor Perego, direttore della fondazione della Cei, Migrantes... (continua)
giovedì, maggio 11, 2017

LIbia: migranti schiavi, l'inchiesta dell’Aia

La Corte Penale Internazionale annuncia di voler aprire un’indagine su abusi e violenze strutturali subiti dai rifugiati subsahariani nel paese nordafricano

Nena News – Le disumane condizioni in cui migliaia di migranti africani vengono detenuti in Libia, denunciate da tempo dall’Organizzazione internazionale per le Migrazioni (Oim), arrivano sul tavolo della Corte Penale Internazionale (Icc).

Il tribunale ha annunciato di voler aprire un’inchiesta sui crimini commessi contro migranti e rifugiati nel paese nordafricano con cui l’Italia ha stretto un memorandum (celebrato da tutta l’Unione Europea) per evitare che prendano il mare e cerchino rifugio in territorio europeo... (continua)
giovedì, maggio 11, 2017

Tragedia a Centocelle: mancano le politiche abitative per difendere il diritto all’alloggio

Tre sorelle sono morte nella notte tra il 9 e il 10 maggio a Roma, in viale Primavera. A ucciderle le fiamme che hanno avvolto il camper in cui viveva una famiglia di etnia Rom composta dai genitori e da 11 figli.

Amnesty - A sei anni di distanza dal rogo di Tor Fiscale, torna nella Capitale in primo piano la carenza di politiche abitative efficaci.

Lacune sottolineate anche in una nota ufficiale diffusa il 10 maggio
“La tragica morte, questa notte, di tre sorelle di una famiglia rom nell’incendio del camper – non è ancora chiaro se doloso o meno – in cui vivevano nel quartiere romano di Centocelle ripropone ancora una volta, e nel modo più drammatico, il tema del diritto a un alloggio adeguato nella capitale. Un diritto che riguarda tutti, i rom come gli stranieri e naturalmente tanti cittadini romani, e la cui negazione costringe molti a cercare riparo in situazioni ai limiti della vivibilità”... (continua)
martedì, maggio 09, 2017

Migranti, Zuccaro: massa di denaro che attira "gli interessi delle Mafia"

Interessi mafiosi sui migranti anche se bisogna sfatare il mito che "la mafia operi dovunque, perché così rischiamo di aumentare l'aurea di onnipotenza", dichiara Zuccaro.

"C'è una massa di denaro destinata all'accoglienza dei migranti che attira gli interessi delle organizzazioni mafiose e dico questo sulla base di alcune risultanze investigative". Così il procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro, davanti la Commissione Antimafia. Alla stessa riferisce quanto però "sia sbagliato ritenere che la mafia operi dovunque, perché così rischiamo di aumentare l'aurea di onnipotenza"... (continua)
lunedì, maggio 08, 2017

Naufragio mar libico, altri 113 morti

Un naufragio a poche miglia dalla costa libica ha provocato la morte di almeno 113 migranti.

Lo riferisce il portavoce per l'Italia, Di Giacomo, dell''Organizzazione internazionale delle migrazioni: "Notizie drammatiche che ci hanno fornito i nostri riferimenti di Oim Libia, attendiamo ulteriori dettagli di questa ennesima tragedia". Ieri i migranti sbarcati a Pozzallo hanno riferito di un altro naufragio e testimoni hanno parlato di 80 annegati: la procura di Ragusa ha aperto un'inchiesta. "Tragedie diverse - aggiunge Di Giacomo - numeri di vittime e drammi che si sommano" ... (continua)
venerdì, maggio 05, 2017

MIgranti, per Juncker l'Italia "ha salvato e salva l'onore dell'Europa"

Il Premier Gentiloni incassa l'elogio e porta a casa: "Merci Jean Claude' per quello che hai detto sul fatto che l'Italia ha difeso l'onore dell'Unione". Intanto il Direttore della Caritas italiana dichiara sulle Ong: "Stiamo assistendo a un processo mediatico contro chi ha creduto di salvare vite umane".

A Firenze, per "The State of the Union", un botta e risposta tra il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker e il Primo Ministro italiano, Paolo Gentiloni sulla questione relativa al flusso migratorio. Per Junker, "l'Italia fin dal primo giorno fa tutto ciò che può fare sulla crisi migratoria. L'Italia ha salvato e salva l'onore dell'Europa"... (continua)
giovedì, marzo 23, 2017

Immigrazione, la Cei lancia la campagna "Liberi di partire, liberi di restare"

La Conferenza episcopale italiana avvia una campagna sul tema dei migranti. La priorità: "Accogliere i migranti non è sufficiente, occorre un approccio culturale, politico e pastorale ampio". Speciale attenzione a "migranti minorenni e le loro famiglie, le vittime di tratta e le fasce più deboli".

di Dario Cataldo

Alla luce dei continui e intensi flussi migratori, la Cei lancia un'iniziativa che mira al sostegno dei migranti, attraverso un livello "culturale e pastorale generale dei fenomeni migratori". Le finalità? Il "finanziamento e realizzazione di progetti mirati e concreti". Questo è l'obiettivo del progetto "Liberi di partire, liberi di restare”... (continua)
mercoledì, marzo 08, 2017

Svezia, nuove rivolte tra migranti. Sale tensione

Mentre l’Unione europea minaccia gli Stati membri di ricorrere a multe in caso di non rispetto delle norme sull’accoglienza dei rifugiati internazionali, in Svezia la situazione migranti diventa sempre più incandescente.

di Mariangela Tessa

WSI - L’ultimo esempio arriva da Hallsberg dove la polizia è stata chiamata, lunedì notte, a sedare una rissa scoppiata tra circa 30 persone e che si è conclusa con l’arresto di 11 migranti, che lanciavano pietre contro la polizia. Secondo quanto si apprende, nella rissa sarebbero stati coinvolti due gruppi di migranti... (continua)
lunedì, febbraio 06, 2017

Migranti: il flusso continuo

Non si arrestano gli arrivi. 

Soccorsi dalla Guardia Costiera 612 migranti provenienti dalle coste libiche. A bordo anche 61 donne e 97 minori, di cui 91 non accompagnati che saranno dislocati nelle strutture d'accoglienza presenti sul territorio. Circa 150 migranti tra gli oltre 600 sarebbero di nazionalità marocchina e non in condizioni di poter richiedere l'asilo politico... (continua)
venerdì, febbraio 03, 2017

Caritas: accordo Italia-Libia su migranti è contro i più deboli

A Malta il vertice informale dei capi di Stato e di governo europei sull’immigrazione. In una nota i leader assicurano pieno sostegno al “Memorandum” firmato ieri sera dal premier italiano, Paolo Gentiloni e il capo del governo di unità nazionale libico, Fayez al-Sarraj, per contenere l’afflusso dei migranti dalla Libia. Allo studio il rafforzamento dei rimpatri. Il servizio di Adriana Masotti: ascolta

Radio Vaticana - Dopo l'accordo raggiunto a marzo 2016 con la Turchia, l'Ue prova di nuovo a frenare "a monte" l'afflusso di migranti sul suolo europeo. In prima linea l’Italia firmataria di un Memorandum di intenti con la Libia. Obiettivo è cooperare nel contrasto all'immigrazione clandestina rafforzando i confini libici e riducendo il traffico di esseri umani. Accordo che dal Vertice di Malta, l'Unione europea fa sapere di accogliere con favore e di essere pronta a sostenere. Lo si legge nella dichiarazione congiunta stilata in tarda mattinata dai leader europei al termine della prima sessione dei lavori. Tra gli altri impegni quello di rafforzare la pratica dei rimpatri rendendola più operativa e individuando i potenziali ostacoli, “nel rispetto del diritto internazionale"... (continua)
martedì, gennaio 31, 2017

Stati Uniti, protesta contro il bando immigrati: Trump licenzia la reggente al Dipartimento della Giustizia

Secondo il Presidente avrebbe "tradito" l'Amministrazione. Sally Yates verrà sostituita da Dana Boente, in attesa che il senato confermi il ruolo a Jeff Sessions.

Donald Trump licenzia Sally Yates, il ministro della Giustizia reggente, che ha ordinato al Dipartimento di non difendere in tribunale il decreto sull'immigrazione del presidente. Yates "ha tradito il Dipartimento di Giustizia rifiutando di attuare un ordine messo a punto per difendere i cittadini americani" afferma la Casa Bianca. Donald Trump ha nominato nuovo "acting Attorney General" Dana Boente, procuratore del distretto orientale della Virginia, in attesa che la nomina di Jeff Sessons ottenga la conferma definitiva dal Senato... (continua)
domenica, gennaio 29, 2017

Stati Uniti, quando il paese del "melting pot" chiude le porte

Cosa stabilisce l'Executive Order sull'Immigrazione e chi ne sarà colpito. 

di Lorenzo Carchini

Venerdì scorso, il Presidente Trump ha firmato un ordine esecutivo, giuridicamente vincolante, che sospende l'ingresso negli Stati Uniti di tutti i rifugiati per 120 giorni, ed esclude perennemente l'ingresso di rifugiati siriani. Porte sbarrate per 90 giorni anche per tutti i cittadini provenienti da 7 paesi musulmani: Iran, Iraq, Libia, Somalia, Sudan, Siria e Yemen. Un ordine che ha da subito scatenato polemiche e nuove proteste ... (continua)
venerdì, gennaio 27, 2017

Muro Usa-Messico. Peña Nieto annulla incontro alla Casa Bianca

Bisogna costruire ponti, non muri. Così la Conferenza episcopale degli Stati Uniti risponde alla decisione del Presidente Trump di completare il muro con il Messico. Intanto il Presidente messicano Peña Nieto ha annullato l'incontro previsto alla Casa Bianca per martedì prossimo. Massimiliano Menichetti: 

Radio Vaticana - Sfruttamento e sofferenza. E’ questo che porterà secondo i vescovi statunitensi il completamento del muro, innalzato durante la presidenza Clinton nel 1994, con il Messico deciso dal presidente Trump. Per l’episcopato americano, che invita a costruire ponti e non barriere, la “vita degli immigranti” sarà messa “in pericolo” e si incrementeranno “trafficanti e contrabbandieri”, “destabilizzando molte comunità che vivono pacificamente lungo il confine”. Intanto sale la tensione tra i due Paesi ... (continua)
lunedì, gennaio 16, 2017

Viminale: i rifugiati dovranno lavorare

Cambio di passo del Governo. Novità nel nuovo pacchetto immigrazione. 

I richiedenti asilo in Italia dovranno svolgere lavori socialmente utili. È una delle novità contenute nel pacchetto di nuove misure sull'immigrazione, che mercoledì sarà illustrato dal ministro dell'Interno, Minniti, in Parlamento. La "ratio" delle norme in fase di approvazione è il "doppio binario" tra profughi e irregolari, con due distinte proposte legislative... (continua)
martedì, gennaio 03, 2017

Sbarchi dei migranti, Salvini: espulsioni di massa

Il leader della Lega Nord: "Basta! Il 2017 sarà l'anno della riscossa"

"Quando sarò al governo, espulsioni di massa, chiusura dei centri e navi della Marina militare che,
dopo aver soccorso tutti, li riportano indietro. Basta! Il 2017 sarà l'anno della riscossa".
Così il leader della Lega Salvini, dopo la rivolta nel Centro accoglienza di Cona in seguito alla morte di una giovane migrante ivoriana.
In Bulgaria, aggiunge, dopo un episodio simile, "centinaia di richiedenti asilo violenti sono stati espulsi. Qui, a questa gentaglia non succederà nulla"
... (continua)
mercoledì, dicembre 28, 2016

Migranti, rapporto Unhcr: nel 2016 record di vittime

L'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati Unhcr, rende noto che durante gli ultimi 12 mesi, circa 5000 persone sono morte nel Mediterraneo nel tentativo di raggiungere l'Europa.

E' il numero annunciato dall'Unhcr riferito al 2016. L'ultima strage è stata registrata alla vigilia di Natale: 100 persone morte mentre tentavano di raggiungere le coste italiane a bordo di due gommoni.

Mentre, per fortuna, stamane 111 migranti sono stati tratti in salvo a Pozzallo. Provenivano da Gambia Nigeria, Camerun, Costa d'Avorio, Mali, Togo e Guinea. Paesi dove guerre interne e povertà inducono le persone a partire alla ricerca di una vita migliore... (continua)
venerdì, dicembre 23, 2016

Amri, da Lampedusa a Sesto San Giovanni, passando per Berlino

Perchè Sesto? Come ha fatto ad arrivare fin lì? Si addensano le domande intorno al killer di Berlino. Ecco la sua storia, da Lampedusa a Sesto.

Doveva essere un controllo ed invece un'agente in prova ha risposto al fuoco di Anis Amri, uccidendo l'autore della strage del mercato di Natale a Berlino. In corso le indagini, ma le domande adesso diventano molte: perché Amri era a Sesto San Giovanni? Come ci è arrivato? E, soprattutto, come ha fatto ad attraversare indisturbato Germania e Francia, arrivare a Torino ed infine nel milanese... (continua)


___________________________________________________________________________________________
Testata giornalistica iscritta al n. 5/11 del Registro della Stampa del Tribunale di Pisa
Proprietario ed Editore: Fabio Gioffrè
Sede della Direzione: via Socci 15, Pisa