Visualizzazione post con etichetta oriente. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta oriente. Mostra tutti i post
martedì, gennaio 30, 2018

CIA: “Corea del Nord può colpire Usa con l’atomica tra pochi mesi"

Nuove minacce agli Stati Uniti in arrivo dalla Corea del Nord.

WSI - Lo Stato guidato da Kim Jong-un sarà in grado di colpire gli Stati Uniti “con un missile armato di testata nucleare in una manciata di mesi”, secondo quanto detto alla Bbc dal direttore della Cia, Mike Pompeo, un fedelissimo del presidente Usa Donald Trump.

Pompeo si è concentrato anche sulle interferenze della Russia nelle elezioni di mid term del prossimo 6 novembre, date per certe, e sostenuto che “non ci sono segnali di una riduzione dei tentativi di Mosca di interferire nelle elezioni, né in Europa, né negli Usa”
... (continua)
martedì, gennaio 30, 2018

Giappone: sterilizzazioni forzate, donna fa causa al governo e chiede risarcimento

È la prima causa contro il governo per via dell’Eugenic Protection Act. Lo Stato non chiede scusa e non prevede risarcimenti per i 25mila casi di sterilizzazioni fra il 1948 e il 1996. Secondo alcuni dati, più della metà erano minorenni quando furono sottoposti alla procedura. Potrebbe essere il primo di molti.

Tokyo (Asianews) – Un risarcimento di 11 milioni di yen, ovvero circa 81.560 euro. È la richiesta avanzata da una donna che oggi ha denunciato il governo giapponese alla Corte distrettuale di Sendai. La donna della prefettura di Miyagi, che ora ha all’incirca 60 anni, era stata costretta da adolescente alla sterilizzazione forzata per via della sua disabilità intellettiva, come prevedeva l’allora vigente Eugenic Protection Act... (continua)
sabato, ottobre 14, 2017

Pena di morte: a Singapore continuano le esecuzioni


Negli ultimi anni Singapore ha continuato a mantenere obbligatoria la pena di morte come strumento di contrasto al traffico di droga.

Amnesty - Nonostante dal 2013 le riforme abbiano favorito una diminuzione delle condanne a morte,
la decisione sulla vita e la morte degli imputati è affidata ai magistrati che conducono le indagini, anziché i giudici.

In particolare, il report “Collabora o muori” basato sul lavoro dei nostri ricercatori e frutto di un’accurata analisi di atti giudiziari, mostra che i tribunali di Singapore continuano ad applicare l’obbligatorietà della pena di morte nei casi di traffico di droga anche se le riforme suggerirebbero maggiore moderazione... (continua)
mercoledì, marzo 29, 2017

Cina: Liaoning, sacerdote detenuto da mesi senza condanna. Imbarazzo per le autorità

Il tribunale del popolo non rende pubblica la sentenza per p. Fei Jisheng, sacerdote della diocesi di Shenyang. I cattolici locali: “I giudici riconoscono la sua innocenza, ma il tribunale lo vuole condannato”. L’arresto è avvenuto il 18 ottobre scorso con l’accusa di appropriazione indebita di una somma di denaro che però apparteneva al sacerdote. Dietro i capi d’imputazione l’intenzione delle autorità di fermare l’opera evangelizzatrice del religioso.

Pechino (AsiaNews) - Nel sistema giuridico cinese, in genere le persone accusate di un crimine conoscono in maniera molto rapida la loro sentenza, una volta che sono andate a processo. Nel caso di p. Fei Jisheng, un prete cattolico del Liaoning, il cui capo d'accusa è di “appropriazione indebita”, il tribunale del popolo incaricato di giudicare ha deliberato il 21 marzo scorso, ma nessuna sentenza è stata ancora pronunciata in via ufficiale, segno di un certo imbarazzo delle autorità locali... (continua)
giovedì, marzo 23, 2017

Corea del Sud, disastro di Sewol: iniziato il recupero del traghetto

L’imbarcazione si è rovesciata circa 3 anni fa a causa del sovraffollamento e della scarsa manutenzione. Nell’affondamento sono morte 304 persone, in maggioranza studenti che partecipavano ad una gita. Le operazioni dureranno 8 giorni; il costo è di 72 milioni di dollari.

Seoul (AsiaNews) - Sono iniziate questa mattina le operazioni di recupero del traghetto Sewol inabissatosi circa tre anni fa davanti alle coste sud-occidentali della Corea del sud. Parenti e genitori delle 304 vittime, in maggioranza studenti di un liceo che si stavano recando nell’isola di Jindo per una gita scolastica, stanno assistendo alle manovre di sollevamento con dolore e rabbia. Uno di loro, Huh Hong-Hwan, padre di una ragazza di 16 anni, ha dichiarato: “Non riesco a descrivere il mio dolore nel rivedere di nuovo quel traghetto”... (continua)
venerdì, marzo 10, 2017

Corea del Sud: impeachment per la presidente Park Geun-hye

L'impeachment senza precedenti nella storia del paese, per la Presidente, sta gettando il Paese nel caos, con scontri a Seul nei quali si registrano anche due morti.

La Corte costituzionale sudcoreana ha approvato la proceduta di impeachment, avviata a dicembre dal parlamento, della presidente Park Geun-hye per il coinvolgimento nello scandalo partito dalla sua stretta confidente Choi Soon-sil. Park decade così dalla carica. Secondo la Corte Choi Soon-Sil, la 'sciamana' e confidente della (ormai ex) presidente Park, si e' "immischiata in affari di stato" attraverso "la fuga di molti documenti riservati" da parte di Park... (continua)
mercoledì, marzo 08, 2017

Parla il figlio di Kim Jon-Nam: "Mio padre è stato assassinato"

Da Seoul, nella Corea del Sud, viene diffuso un video del figlio di Kim Jong-nam, il fratellastro assassinato del leader della Corea del Nord, Kim Jong-un.

Da Seoul, nella Corea del Sud, viene diffuso un video del figlio di Kim Jong-nam, il fratellastro assassinato del leader della Corea del Nord, Kim Jong-un. 
  
"Il mio nome è Kim Han-Sol dalla Corea del Nord,parte della famiglia Kim" dice l'uomo con un inglese fluente in un video postato su Youtube da un gruppo di dissidenti della Corea del Nord. "Mio padre è stato assassinato pochi giorni fa,sono ora con la mia famiglia, speriamo che questa situazione migliori presto"
... (continua)
venerdì, febbraio 24, 2017

Nord Corea, omicidio Kim Jong-nam: ucciso con il gas nervino

La polizia malese dopo aver fatto l'autopsia rivela le cause della morte di Kim Jong-nam, fratellastro del leader nordcoreano.

Kim Jong-nam sarebbe stato ucciso con gas nervino. In particolare, secondo la polizia malese, si tratterebbe del famigerato "agente VX", utilizzato già in passato dai sicari di Pyongyang. Sono le conclusioni preliminari della auopsia fatta sul corpo del fratellastro del leader nordcoreano Kim Jongun, ucciso il 13 febbraio all'aeroporto di Kuala Lumpur.
Lo ha comunicato la polizia malese... (continua)
giovedì, febbraio 16, 2017

Terzo arresto per l'omicidio Jong-nam: arrestata una donna

La donna arrestata avrebbe un passaporto indonesiano, ha riferito la polizia, mentre quella arrestata ieri ne aveva uno vietnamita.

Una seconda donna, sospettata di essere coinvolta nell'omicidio di Kim Jong-nam è stata arrestata: lo riferisce l'agenzia di stampa malese Bernama, citando il capo della polizia Khalid Abu Bakar. Secondo quanto riportato, ci sarebbero altri sviluppi e altri arresti in arrivo sempre collegati alle indagini sull'assassinio del fratellastro del leader nordcoreano Kim Jong-un, avvenuto lunedì mattina all'aeroporto internazionale di Kuala Lumpur. La donna arrestata,secondo la polizia, avrebbe un passaporto indonesiano ... (continua)
lunedì, febbraio 06, 2017

La Chiesa beatifica il martire giapponese Ukon, samurai di Cristo

Domani sarà beatificato il martire giapponese Justus Takayama Ukon, signore feudale e samurai, vissuto nel XVI secolo.

Radio Vaticana - Sposato e padre di 5 figli, scelse la via dell’esilio piuttosto che abiurare la fede cristiana. La Messa di Beatificazione ad Osaka, in Giappone, sarà presieduta dal cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi. Ripercorriamo la figura di Ukon con il servizio di Debora Donnini:

Un guerriero con la katana, la spada dei guerrieri giapponesi, rivolta verso il basso, sormontata da una croce. La statua di Ukon, il samurai di Cristo, rappresenta la parabola della sua vita: da daimyo, grande signore feudale, potente in battaglia, a povero ed esiliato fino alla morte. Nato nel 1552, viene battezzato a 12 anni quando suo padre abbraccia la fede cristiana attraverso la predicazione del gesuita san Francesco Saverio. Signori feudali, i Takayama arrivano a dominare la regione di Takatsuki e Ukon si impegna per la diffusione del cristianesimo con la fondazione di seminari e la formazione di missionari e catechisti: nei suoi territori su una popolazione di 30mila persone, circa 25 mila abbracciarono la fede. Il cardinale Angelo Amato:... (continua)
giovedì, febbraio 02, 2017

Hong Kong, la misteriosa scomparsa del miliardario cinese Xiao Jianhua

Il miliardario cinese Xiao Jianhua è scomparso in circostanze misteriose dal suo hotel di lusso a Hong Kong durante il fine settimana del Capodanno. Stando a diverse fonti citate dal South China Morning Post, il tycoon si trova ora in Cina per "collaborare alle indagini" sulle turbolenze del mercato azionario del 2015 e sul caso di una ex spia di alto rango. Xiao Jianhua, fondatore della Tomorrow Group, compagnia di stanza a Pechino, sarebbe stato "persuaso" a cooperare piuttosto che costretto da agenti provenienti dalla madrepatria. 

Hong Kong (AsiaNews) - Non è ancora chiaro a quale titolo gli agenti si siano recati ad Hong Kong, o quali agenzie rappresentino. Il caso ha suscitato il timore che gli agenti possano aver agito al di là della loro giurisdizione attraversando il confine per svolgere le loro attivit, violando le leggi della città.

Sempre secondo voci che circolano ad Hong Kong, Xiao Jianhua starebbe collaborando sulle operazioni che hanno contribuito, nel 2015, ad una fase turbolenta del mercato azionario, quando si verificarono irrazionali vendite generalizzate. Si pensa anche che tale indagine possa essere collegata all’ex vice-ministro alla sicurezza Ma Jian, caduto in disgrazia a seguito delle accuse di violazione del codice di condotta del Partito comunista – un eufemismo per corruzione... (continua)
martedì, gennaio 03, 2017

Trump: “Non succederà” un missile coreano contro gli Usa

Il presidente eletto ha replicato all’affermazione fatta ieri da Kim Jong-un sulla preparazione di un missile intercontinentale. Critiche alla Cina.

Washington (AsiaNews) - “Non succederà". Così Donald Trump ha reagito all’affermazione fatta ieri dal leader supremo della Corea del Nord Kim Jong-un, secondo il quale il suo Paese è “nelle fasi finali della preparazione di un test di lancio di un nuovo missile balistico intercontinentale”, capace quindi di colpire l'America. Il presidente eletto degli Stati Uniti in un tweet ha contestato l'affermazione di Kim Jong-un e ha criticato l’atteggiamento passivo della Cina verso il suo alleato coreano... (continua)
venerdì, dicembre 30, 2016

Nepal, Kathmandu, timore di attentati: vietati i festeggiamenti di Capodanno

Le autorità hanno bandito concerti, fuochi d’artificio e spettacoli nella capitale e in due distretti limitrofi. L’ira dei cittadini: “Il capodanno occidentale fa parte della nostra cultura e non è giusto vietarlo”. I cristiani costretti a rinunciare alle feste organizzate: “Ci prepareremo alla festa del primo gennaio leggendo la Bibbia”.

di Christopher Sharma

Kathmandu (AsiaNews) – Feste di Capodanno vietate, fuochi d’artificio e concerti banditi a Kathmandu e nelle zone limitrofe. È la decisione presa dalle autorità nepalesi, preoccupate dal rischio attentati e disordini favoriti dagli eventi di massa. È la prima volta che la polizia del Paese vieta i festeggiamenti dell’ultimo dell’anno. Prakash Aryal, poliziotto di Kathmandu, afferma: “La nostra decisione terrà a bada il crimine. Siamo molto attenti alle situazioni che possono mettere a repentaglio la sicurezza e non ci si potrà scambiare gli auguri in pubblico”... (continua)
martedì, dicembre 27, 2016

Nepal, Natale: dopo le pressioni delle minoranze, il governo approva le festività

In migliaia hanno preso parte alle celebrazioni. Messaggi di pace e prosperità dalla presidentessa e dal Primo ministro. Partecipa anche l’ex re Gyanendra. 

Katmandu (AsiaNews) - Il governo del Nepal, dopo aver rimosso dal calendario le celebrazioni pubbliche per la festività del Natale ad aprile 2016, ha deciso – in seguito a pressioni da parte di gruppi di minoranze – di indire la festività nazionale.
Per l’occasione, sono stati addobbati negozi e centri commerciali con decorazioni e luminosi alberi di Natale. I cristiani hanno cantato inni, si sono scambiati regali, hanno glorificato la nascita di Gesù Cristo e recitato preghiere. Anche migliaia di non-cristiani hanno preso parte alle festività e alle celebrazioni ... (continua)
venerdì, luglio 08, 2016

Dal disastro nucleare all’energia pulita, la prefettura di Fukushima punta sulla geotermia

Undici imprese giapponesi insieme per costruire una centrale nel parco nazionale di Bandai-Asahi

Green Report - Cinque anni fa Fukushima divenne nota al mondo per il terremoto-maremoto che si abbatté sulla centrale atomica Daiichi, causando il peggior disastro nucleare dai tempi di Chernobyl. Da allora gli sforzi per risollevare l’area dalle macerie procedono incessantemente, e presto nuova energia potrebbe arrivare dalle risorse geotermiche che in Giappone abbondano... (continua)
venerdì, luglio 01, 2016

Cina. Il governo ruba la terra a un cristiano: se ti lamenti ti spelliamo vivo

Le autorità requisiscono tre acri a Bai Fengju, che saranno usati per costruire un tempio buddista. E una fonte cristiana anonima rivela: “Esiste un documento ufficiale che conferma la persecuzione del governo nei confronti dei fedeli, a livello nazionale”.

Pechino (AsiaNews) - Le autorità cinesi hanno requisito tre acri di terra coltivati a soia a un contadino cristiano povero. Davanti alle sue lamentele un funzionario di governo ha risposto: “Ti spello vivo se osi continuare a protestare”. Lo denuncia China Aid, Organizzazione non governativa che monitora la situazione dei fedeli in Cina. Bai Fengju, coltivatore diretto, conferma il furto dei terreni: questi, gli è stato detto, saranno usati per costruire un tempio buddista a Nanyang, provincia dell’Henan... (continua)
martedì, giugno 07, 2016

Nepal, laghi montani: sale il livello delle acque, a rischio decine di migliaia di persone

Lo scioglimento dei ghiacciai ha raggiunto livelli “allarmanti”. Governo ed esercito impegnati sulle rive del lago Imja Tsho, il più alto al mondo, che minaccia la sopravvivenza di accampamenti e villaggi. L’obiettivo è aprire un canale per lo scorrimento controllato delle acque. Il premier annuncia politiche di sviluppo sostenibile. Ma gli ambientalisti chiedono maggiore impegno. 

di Christopher Sharma 

Kathmandu (AsiaNews) - Cambiamenti climatici, surriscaldamento globale e scioglimento dei ghiacciai hanno causato un innalzamento a livelli ormai preoccupanti delle acque dei laghi montani in Nepal, in particolare sulle pendici del monte Everest. Governo ed esercito hanno concentrato le loro attenzioni attorno al lago Imja Tsho, il più alto al mondo, che minaccia la vita e la sopravvivenza di decine di accampamenti e villaggi nelle aree sottostanti... (continua)
venerdì, giugno 03, 2016

Anniversario di Tiananmen: arresti, liquori e il dovere della memoria

Un gruppo di attivisti democratici sfida le autorità viaggiando per la Cina per ricordare le vittime del massacro del 4 giugno.  Una foto scattata nei pressi della piazza, teatro della strage, fa infuriare la polizia di Pechino.

Pechino (Asia News) – I grandi dissidenti “invitati per una vacanza” dagli agenti di Stato. Nel Sichuan un poeta e un maestro del thè producono il liquore “4 giugno 1989” e scrivono sull’etichetta: “Mai dimenticare, mai arrendersi”. Un sopravvissuto: “Facciamo tutto questo per i giovani, che devono sapere cosa è accaduto”.

Arresti, “vacanze forzate”, controlli ossessivi su internet e nella vita reale. I dissidenti e gli attivisti democratici di tutta la Cina stanno vivendo in questi giorni il trattamento riservato loro dalle autorità comuniste nel periodo che precede ogni anniversario sensibile dal punto di vista politico... (continua)
giovedì, maggio 26, 2016

La Cina invia sottomarini dotati di armi nucleari nel Pacifico

Siamo entrati in una fase di piena strategia della tensione tra Cina e Stati Uniti. Con una mossa che fa parte di un’agenda geopolitica ben precisa, Pechino ha deciso che invierà sottomarini dotati di armi nucleari nel Pacifico. Il governo fa sapere che l’espansione progressiva dei sistemi anti missili americani non ha lasciato altra scelta alle autorità. 

di Daniele Chicca 

New York (WSI) - Sarebbe la prima volta che sottomarini dell’esercito militare cinese dotati di missili nucleari entrano nell’Oceano Pacifico. La decisione sarà al centro del dibattito del summit del G7 tra i capi di Stato dei grandi del mondo in corso a Sendai e verrà certamente contestata da Giappone e Stati Uniti. Finora la strategia di politica estera cinese è stata relativamente moderata e le autorità hanno detto che non sarebbero mai state le prime a utilizzare le armi nucleari in un conflitto... (continua)
martedì, maggio 24, 2016

Giornata mondiale della preghiera per la chiesa in Cina

Accanto alla preghiera, l’aiuto concreto di ACS ai cristiani cinesi. 

Un sostegno iniziato molte decadi fa. Era il 1961 quando Aiuto alla Chiesa che Soffre ha incominciato a prendersi cura dei profughi cristiani fuggiti dalla Cina. Da allora la fondazione non ha mai smesso di aiutare i cristiani cinesi a mantenere viva la fede, nonostante le gravi limitazioni imposte da Pechino. Chiese rase al suolo, croci demolite, vescovi scomparsi o agli arresti domiciliari, sacerdoti e fedeli detenuti. È questa la realtà dei cristiani in Cina, dove tuttavia il Cristianesimo continua a crescere. Se il governo dichiara appena 30milioni di cristiani cinesi, secondo recenti studi sarebbero infatti almeno 68milioni... (continua)


___________________________________________________________________________________________
Testata giornalistica iscritta al n. 5/11 del Registro della Stampa del Tribunale di Pisa
Proprietario ed Editore: Fabio Gioffrè
Sede della Direzione: via Socci 15, Pisa