Visualizzazione post con etichetta cronache dal mondo. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta cronache dal mondo. Mostra tutti i post
lunedì, gennaio 15, 2018

Proteste in Tunisia: metodi sempre più duri per disperdere la folla

Negli ultimi quattro giorni le forze di sicurezza tunisine hanno usato metodi sempre più duri per disperdere le proteste ed eseguire arresti. Un manifestante è morto.

Amnesty - “Le autorità tunisine devono dare priorità all’incolumità dei manifestanti pacifici – ha ammonito in una nota ufficiale Heba Morayef, direttrice di Amnesty International per il Medio Oriente e l’Africa del Nord – e assicurare che le forze di sicurezza ricorreranno alla forza solo quando assolutamente necessaria e in modo proporzionale alla minaccia, tutelando i diritti delle altre persone. Le proteste nascono in un contesto di reali difficoltà economiche e il ruolo delle forze di sicurezza dovrebbe essere quello di stemperare la tensione, non di esasperarla“.

Dall’8 gennaio in almeno 20 città si sono svolte manifestazioni contro l’aumento dei prezzi e delle tasse disposto dal governo. Il movimento giovanile “Fesh Nestannew?” (“Cosa stiamo aspettando?”) sta chiedendo al governo di rivedere queste misure... (continua)
lunedì, gennaio 15, 2018

Vescovi USA: Trump si scusi per commenti su Haiti e Africa

Sconcerto della Chiesa statunitense per le parole offensive del presidente Donald Trump sui Paesi africani e su Haiti da cui arriva negli Usa la maggior parte degli immigrati.

Marina Tomarro e Fabio Colagrande – Città del Vaticano

VaticanNews - “I resoconti di recenti commenti denigratori sui Paesi africani e su Haiti hanno destato grande preoccupazione. Queste presunte osservazioni sono particolarmente inquietanti”. I vescovi americani affidano a James Rogers, responsabile della comunicazione per la Conferenza episcopale, il loro commento di fronte alle dichiarazioni shock, pronunciate dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che si è espresso con dichiarazioni d’intolleranza nei confronti di Haiti, di alcune nazioni africane e di altri Paesi che godono uno status di protezione umanitaria. “Tutti gli esseri umani sono fatti a immagine e somiglianza di Dio, e commenti che denigrano nazioni e popoli violano quella verità fondamentale e causano dolore.”, continua il comunicato dei vescovi, deplorando la coincidenza dell’accaduto con il dibattito sul futuro dell’immigrazione e sulla situazione di sospensione vissuta dagli 800mila giovani legati al programma Daca.Forte sconcerto nei leader cattolici... (continua)
giovedì, gennaio 11, 2018

L’ombra del Russia-gate sulle elezioni italiane, l’allarme Usa

C’è il rischio concreto di interferenze della Russia nelle prossime elezioni italiane.

di Mariangela Tessa

WSI -È quanto mette in evidenza un rapporto commissionato dal senatore americano Democratico Benjamin L. Cardin che si basa su fonti aperte e articoli di giornale ed è intitolato “L’assalto asimmetrico di Putin alla democrazia in Russia e in Europa: implicazioni per la sicurezza nazionale Usa”... (continua)
giovedì, gennaio 11, 2018

WeekItaly, interscambio culturale e commerciale tra Italia e Russia

Un bell’evento per rimarcare ancora di più il filo diretto che lega l’interscambio commerciale tra Italia e Russia. (video)

di Virgilio Violo

Italyweek, la settimana dell’Italia, si è svolta a Mosca dal 5 dicembre al 12 dicembre nella sala interna del Manezh (maneggio degli Zar) a poche centinaia di metri dalle mura del Cremlino. Qui al Manezh, arte, moda, turismo, tecnologia, gastronomia e musica sono stati i pezzi forti esposti e presentati dal nostro paese ai moscoviti. Il turismo ha fatto la voce grossa della manifestazione, stand della Sardegna, Basilicata, Puglia, ed infine un workshop, hanno contribuito ancora di piu' all'affermazione del turismo russo in Italia... (continua)
martedì, dicembre 12, 2017

Argentina, la Croce Rossa identifica i resti di 88 soldati caduti nelle Malvinas

Un anno fa una delegazione composta dal Nobel Pérez Esquivel, da Nora Cortiñas, delle Madri di Plaza de Mayo, e da “padre Pepe” aveva visitato e celebrato la messa nel cimitero britannico 

VaticanInsider - Ottantotto non saranno più "conosciuti solo da Dio" come recita l’epitaffio scolpito su 122 delle 237 croci del Cimitero dove sono raccolti i resti dei soldati argentini caduti nel conflitto per le Isole Malvinas del 1982. Adesso “anche gli uomini” conoscono il loro nome dopo che la Croce Rossa Internazionale ha concluso e consegnato i risultati del programma umanitario che si proponeva di restituire l’identità ai caduti. Nel conflitto con la Gran Bretagna ... (continua)
martedì, dicembre 05, 2017

Argentina, la Croce Rossa identifica i resti di 88 soldati caduti nelle Malvinas

Un anno fa una delegazione composta dal Nobel Pérez Esquivel, da Nora Cortiñas, delle Madri di Plaza de Mayo, e da “padre Pepe” aveva visitato e celebrato la messa nel cimitero britannico.

Matías Ruíz Ferro
Córdoba

Vatican Insider - Ottantotto non saranno più «conosciuti solo da Dio» come recita l’epitaffio scolpito su 122 delle 237 croci del Cimitero dove sono raccolti i resti dei soldati argentini caduti nel conflitto per le Isole Malvinas del 1982. Adesso “anche gli uomini” conoscono il loro nome dopo che la Croce Rossa Internazionale ha concluso e consegnato i risultati del programma umanitario che si proponeva di restituire l’identità ai caduti.
Nel conflitto con la Gran Bretagna per il controllo dell’arcipelago dell’Atlantico sud morirono 650 soldati argentini e 255 inglesi. 123 dei caduti argentini vennero sepolti nel Cimitero di Darwin senza che ne potesse essere stabilita l’identità... (continua)
venerdì, dicembre 01, 2017

Forte sisma in Iran: decine i feriti, ma per ora nessuna vittima

E' di almeno 50 feriti il primo bilancio del terremoto che ha scosso questa mattina l'Iran orientale, provocando il panico a tre settimane di distanza dal sisma che ha colpito la regione di frontiera con l'Iraq, uccidendo più di 500 persone.

di Paola Simonetti

Radio Vaticana - Squadre della Mezza Luna Rossa sono al lavoro. Si scava fra le macerie di decine di case rase al suolo nel nordest della città iraniana di Kerman, una zona densamente popolata che conta oltre 800mila abitanti.

La struttura fragile delle abitazioni crollate, in particolare nel punto dell’epicentro dove sono coinvolti i villaggi Hejadk e di Kuhak, fa temere ci siano state vittime, anche se non è stato segnalato ancora nessun decesso. La prima forte scossa è stata seguita da altre 40 di assestamento... (continua)
mercoledì, novembre 29, 2017

Kim: possiamo colpire Usa con missili

Nuove minacce dal dittatore nordcoreano 

Secondo l'emittente statale Kctv, il nuovo missile balistico intercontinentale, testato la scorsa notte dalla Corea del Nord, "è stato un successo". Adesso, con l'ultima versione e la messa a punto dell'Hwasong-15 con una gittata di tredicimila chilometri "tutto il territorio Usa è nel mirino" ed è quindi raggiungibile, ha detto il dittatore nord coreano Kim Jong-un che ha rivendicato come ... (continua)
sabato, novembre 18, 2017

Incendio a Manhattan, cinque feriti

Nella Grande Mela va a fuoco un intero edificio di sette piani 

È di 5 feriti finora il bilancio del vasto rogo divampato in un edificio residenziale di Manhattan, a New York. Lo riferisce il Dipartimento dei Vigili del Fuoco. Le fiamme hanno avvolto i piani alti del palazzo al numero 565 della 144esima strada ovest, tra Broadway e Amsterdam Avenue, nella zona di Harlem. L'incendio è stato classificato di categoria 5, il livello più alto. Secondo testimoni, si sarebbero staccati ... (continua)
giovedì, novembre 16, 2017

La multinazionale Siemens annuncia 6900 licenziamenti

Guai in casa Siemens, è ufficiale il piano di riduzione del personale per la nota multinazionale.

La Siemens ha annunciato un piano di riduzione dei costi che prevede l'eleminazione di circa 6.900 posti di lavoro"nel corso dei prossimi anni",di cui la metà in Germania. Nella nota diffusa dal colosso tedesco si sottolinea in particolare la riduzione della domanda di turbine a gas. I tagli del personale saranno nelle divisioni attive nell'energia fossile e nel settore delle materie prime... (continua)
mercoledì, novembre 15, 2017

Zimbabwe: colpo di Stato, esercito entra nella capitale

Colpo di Stato in Zimbabwe contro il presidente 93enne Robert Mugabe.

di Alessandra Caparello

I militari, secondo quanto scrive l’agenzia Returs, sono entrati nella capitale Harare, bloccando strade che portano agli uffici del governo ma l’obiettivo, come ha dichiarato in tv il generale SB Moyo, capo di Stato maggiore per la logistica, sono i criminali intorno al presidente... (continua)
lunedì, novembre 13, 2017

Sisma Iran e Iraq: il cordoglio del Papa per le oltre 300 vittime

Papa Francesco ha espresso il suo cordoglio per le vittime del terremoto che ieri sera ha colpito la zona di confine tra Iran e Iraq.

di Michele Raviart

Radio Vaticana - In un doppio telegramma rivolto ai due Paesi a firma del cardinale Segretario di Stato Pietro Parolin, il Pontefice si è detto “profondamente rattristato” nell’apprendere del sisma e ha assicurato la sua vicinanza a tutte le vittime di questa tragedia. Nell’esprimere il suo cordoglio a chi ha perso i propri cari, Francesco prega per le vittime e le affida alla Misericordia dell’Onnipotente e invoca la benedizione divina ai feriti e alle autorità impegnate nei soccorsi... (continua)
mercoledì, novembre 08, 2017

Dossier top secret: Israele e sauditi insieme per provocare guerra

I due nemici storici hanno unito le forze per lanciare in gran segreto una guerra alle forze sciite e filo iraniane nella polveriera mediorientale 

WSI - Israele e l’Arabia Saudita stiano facendo combutta per provocare una guerra alle forze filo iraniane nella polveriera mediorientale. Lo rivela un dossier diplomatico esplosivo e top secret israeliano che è stato reso pubblico. Di fatto Tel Aviv e Riyad stanno in maniera deliberata coordinando un’escalation militare in Medioriente... (continua)
lunedì, novembre 06, 2017

Black Friday 2017: Amazon attira consumatori tagliando i prezzi

In occasione del Black Friday 2017 Amazon taglia i prezzi dei prodotti dei terzi venditori per attirare le vendite, superando così la sua scontistica tipica sugli articoli che vende direttamente.

di Alessandra Caparello

New York (WSI) - Lo “sconto offerto da Amazon” si applica ai prodotti come i giochi da tavolo e i gadget tecnologici offerti da altri commercianti. Il sito di e-commerce più famoso al mondo, in occasione del Black Friday 2017, la giornata di sconti che segue il Giorno del Ringraziamento negli Stati Uniti e che quest’anno cade il 24 novembre –una giornata ricca di offerte e sconti, ma anche l’occasione perfetta per fare i tanti temuti acquisti di Natale – tenta di competere in modo aggressivo su alcuni articoli per vincere le vendite e attirare i clienti dai propri rivali a basso prezzo come Wal-Mart Stores. Il piano consente ad Amazon di vendere i prodotti a prezzi più bassi, pur continuando a dare il prezzo pieno ai venditori... (continua)
lunedì, novembre 06, 2017

Strage in Texas. Card. DiNardo: non si può tollerare la violenza armata

“Esiste un problema di base nella nostra società e di questo tutti dobbiamo essere consapevoli. Una cultura della vita non può più tollerare la violenza armata in ogni sua forma”.

Radio Vaticana -Lo ha dichiarato con fermezza il card. Daniel DiNardo, presidente della Conferenza episcopale statunitense, commentando la sparatoria nella chiesa battista di Sutherland Springs, in Texas, avvenuta ieri mattina ad opera di Devin Patrick Kelley. Il giovane 26enne - riferisce l'agenzia Sir - che aveva prestato servizio nell’Aeronautica militare Usa, ha imbracciato un fucile d’assalto uccidendo 26 persone e ferendone altre 20, mentre si celebrava la funzione domenicale
... (continua)
giovedì, novembre 02, 2017

Catalogna, chiesto mandato d’arresto Ue per Puigdemont

Per tutti i membri del decaduto governo catalano la procura ha chiesto al giudice della Audiencia Nacional, Carmen Lamela, la detenzione cautelare; escluso solo l’ex ministro Villa che si era dimesso il giorno precedente alla dichiarazione unilaterale di indipendenza.

di Alberto Battaglia

WSI - Per loro l’accusa è quella di “ribellione”. Nel frattempo per Carles Puigdemont, presidente della Catalogna attualmente a Bruxelles, gli inquirenti hanno richiesto al giudice di emettere il mandato d’arresto europeo. Secondo quanto dichiarato mercoledì dal suo avvocato, non intende fare ritorno, spontaneamente, in Spagna. Il mandato d’arresto europeo, non avrebbe comunque effettività automatica. Infatti, il reato di ribellione contestato a Puigdemont non è contemplato nell’ordinamento del Belgio, fatto che imporrebbe l’apertura di un’inchiesta della magistratura belga per l’accertamento delle accuse mosse da parte della Spagna... (continua)
giovedì, novembre 02, 2017

Il killer di New York ha agito per conto dell'Isis

Avrebbe agito per conto dello Stato Islamico il killer della strage di New York. E’ emerso durante le indagini poche ore dopo l’attentato. La polizia ha indagato l’uomo per terrorismo. Ma sarebbe stato individuato anche un altro uomo.

Radio Vaticana - Ha 29 anni l’uzbeko Sayfullo Saipov che ha ucciso otto persone e ferito 15. E avrebbe continuato a uccidere lungo la pista ciclabile se il furgoncino non si fosse scontrato con il pulmino di una scuola.
Nel suo pc istruzioni dell'Isis con cui avrebbe 'pianificato l'attacco per settimane'... (continua)
lunedì, ottobre 30, 2017

Russiagate, arrestato ex capo campagna Trump per “cospirazione”

A distanza di circa cinque mesi dall’incarico di Robert Mueller alla guida della Commissione d’indagine sul Russiagate, è arrivato il primo segnale concreto: il Gran giurì federale ha approvato gli elementi a carico di più soggetti, autorizzando l’avvio del procedimento penale. Entro oggi l’esecuzione delle previste misure cautelari potrebbero essere messe in atto.

di Alberto Battaglia

WSI - A essersi consegnati alle autorità per ora sono Paul Manafort, l’ex capo della campagna elettorale di Trump, e il suo ex socio Rick Gates. Le due personalità di spicco, vicine al capo della Casa Bianca, si sono presentate nella sede dell’Fbi di Washington. Tra i tra i dodici capi di accusa contro Manafort, ci sarebbe la cospirazione contro gli Stati Uniti, ma non solo. Nel mirino della giustizia Usa ci sarebbero anche dichiarazioni false e fuorvianti, riciclaggio e omessa denuncia di conti su banche straniere... (continua)
lunedì, ottobre 30, 2017

Papa Francesco: armi nucleari, l'umanità rischia il suicidio

L’umanità rischia il suicidio: è quanto ha detto Papa Francesco riferendosi alla minaccia delle armi nucleari durante la sua visita oggi alla sede del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Umano Integrale.

di Sergio Centofanti

Radio Vaticana -Proprio oggi il direttore della Sala Stampa vaticana Greg Burke ha reso noto che la prossima settimana si terrà in Vaticano un importante convegno dal titolo: "Perspectives for a World Free from Nuclear Weapons and for Integral Development”. "Il Santo Padre" - afferma Burke - "lavora con determinazione per promuovere le condizioni necessarie per un mondo senza armi nucleari, come lui stesso ha ribadito lo scorso mese di marzo in un messaggio indirizzato all'Onu". Burke nella sua dichiarazione precisa che è "falso parlare di una mediazione da parte della Santa Sede", come affermato dai media italiani in relazione alla crisi in corso tra Stati Uniti e Corea del Nord
... (continua)
mercoledì, ottobre 25, 2017

Una neonata è morta di fame in Siria

La tragedia siriana torna a scuoterci con un’immagine che dovrebe ricordarci il dolore che ancora si consuma in quella terra.

La piccola Sahar Dofdaa, nata solo un mese fa in un villaggio vicino a Ghouta è morta di fame nei pressi di Damasco,  in una zona controllata dagli oppositori.
A scattare la foto della piccola agonizzante con gli occhi sporgenti e gli arti ridotti a moncherini è stato il ventottenne fotografo siriano Amer Almohibany, per l’agenzia di stampa AFP.

La neonata è venuta alla luce in una zona duramente colpita dalla guerra civile e sotto assedio da 2 anni dai soldati di Assad. A causa dei conflitti i civili rimangono rimangono per mesi interi senza cibo e a niente valgono i ripetuti appelli delle ong e della comunità internazionale per portare aiuto alle popolazioni del nord... (continua)


___________________________________________________________________________________________
Testata giornalistica iscritta al n. 5/11 del Registro della Stampa del Tribunale di Pisa
Proprietario ed Editore: Fabio Gioffrè
Sede della Direzione: via Socci 15, Pisa