Visualizzazione post con etichetta cultura e religione. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta cultura e religione. Mostra tutti i post
giovedì, luglio 20, 2017

Luxor: una ferita aperta nel cuore della diocesi

ACS ricostruirà la cattedrale distrutta da un incendio

di Silvio Foini

«Una ferita aperta nel cuore della diocesi». Così Monsignor Emmanuel Bishay, vescovo copto cattolico di Luxor in Egitto, descrive ad Aiuto alla Chiesa che Soffre le condizioni in cui versa ancora oggi la Cattedrale di San Giorgio, distrutta da un incendio il 21 aprile 2016. Il rogo, le cui cause sono tuttora sconosciute, rappresenta l’ennesimo dolore per i fedeli di questa diocesi dell’Alto Egitto. Nell’agosto del 2013 quando i sostenitori del deposto presidente Mohammed Morsi hanno sfogato la loro ira sui cristiani, Luxor è stata tra le diocesi più colpite e i manifestanti sono giunti fino alle porte del vescovado urlando «morte ai cristiani!»... (continua)
martedì, giugno 06, 2017

Arabia Saudita: arrestata l’attivista che sfidò il divieto di guida per le donne

Loujain al-Hathlout, attivista dell’Arabia Saudita per i diritti delle donne, è stata arrestata il 4 giugno all’aeroporto internazionale di Dammam. Da lì, è stata costretta a imbarcarsi su un volo per la capitale Riad, in attesa di interrogatori.

Amnesty - L’accanimento delle autorità saudite nei confronti di Loujain al-Hathloul è assurdo e ingiustificabile. Ancora una volta, pare sia stata presa di mira per il suo pacifico impegno in favore dei diritti delle donne in Arabia Saudita.
Il 30 novembre 2014 Loujain al-Hathloul aveva provato a entrare, alla guida di un’automobile, dalla frontiera degli Emirati arabi uniti. Per aver sfidato il divieto di guida per le donne, aveva trascorso 73 giorni in carcere ... (continua)
giovedì, maggio 18, 2017

Primerano: musei ecclesiastici non luoghi polverosi ma di stimolo

Il museo come luogo di stimolo alla riflessione e incontro: è una delle sfide che si pone l’Associazione Musei Ecclesiastici Italiani, Amei, riunita in una tavola rotonda alla Pontificia Università Gregoriana a Roma nell’odierna Giornata Internazionale dei Musei.

Radio Vaticana - Sono oltre 800 i musei ecclesiastici italiani, prevalentemente di arte sacra ma anche archeologici e naturalistici. Perché è fondamentale oggi riflettere sull’identità del museo? Debora Donnini lo ha chiesto a Domenica Primerano, presidente Amei, prima donna e prima laica alla guida dell’Associazione: ascolta

R. – Perché la situazione dei musei in genere è molto cambiata in questi ultimi decenni e quindi vogliamo capire se anche i musei ecclesiastici hanno modificato il loro modo di essere così come stanno facendo gli altri. Quindi è un po’ l’occasione per fare il punto e soprattutto per far capire quali sono le potenzialità dei nostri musei, potenzialità che spesso non vengono comprese. Il museo oggi non può essere semplicemente un luogo di conservazione; è un luogo di relazione, ma per essere tale, deve essere aperto, deve fare attività che si rivolgano ai diversi pubblici, quindi deve avere del personale che sia attrezzato per svolgere quella funzione pastorale... (continua)
lunedì, maggio 15, 2017

Chiesa e  diritto penale nell’era di papa Francesco: alla riscoperta della dimensione politica e istituzionale del perdono

Nella “Lettera ai partecipanti al XIX Congresso Internazionale di Diritto Penale e del III Congresso dell’Associazione Latinoamericana di Diritto Penale e Criminologia” (Vaticano, 30 maggio 2014) e nel “Discorso” pronunciato in occasione dell’Udienza a una Delegazione dell’Associazione Internazionale di Diritto Penale il 23 ottobre 2014, il Papa, proseguendo lungo il solco tracciato dall’insegnamento tradizionale della Chiesa, propone ai penalisti una visione rinnovata del diritto criminale improntata all’ideale della giustizia riparativa e riconciliativa. 
  
di Bartolo Salone 

La riflessione della Chiesa sulla pena non può prescindere da una considerazione preliminare sul bene comune e sul concetto di autorità. Come ci ricorda papa Giovanni XXIII nell’Enciclica “Pacem in terris” (§46), “La convivenza tra gli esseri umani non può essere ordinata e feconda se in essa non è presente un’autorità legittima che assicuri l’ordine e contribuisca all’attuazione del bene comune in grado sufficiente”. In tal modo, il fondamento morale dell’autorità costituita viene individuato nella necessità di una società ben ordinata capace di garantire l’attuazione del bene comune al di là degli egoismi dei singoli. E una tale autorità – sottolinea San Paolo nel capitolo 13 della Lettera ai Romani – viene da Dio... (continua)
sabato, maggio 13, 2017

"Fatima. Un percorso spirituale", nel centenario delle apparizioni

Un testo che ripercorre le tappe del cammino mariano in terra portoghese, dalle apparizioni sino al grande pellegrinaggio che oggi rappresenta Fatima per tanti fedeli.

Recensione di Dario Cataldo

A distanza di un secolo dalle apparizioni della Madonna ai tre pastorelli, l'antropizzazione del luogo è stata evidente e tangibile. In quello che era un luogo isolato e sperduto, adesso c'è un Santuario che attira milioni di pellegrini ogni anno. Il libro di Antonio Rego,"Fatima. Un percorso spirituale", edito dalle Paoline, si sofferma sull'aspetto del pellegrinaggio, che in 100 anni è stato un crescendo di preghiera e meditazione. Un percorso arricchito da numerose fotografie a colori, che illustrano i luoghi delle apparizioni, i percorsi del pellegrinaggio e la dedizione dei fedeli che si accostano a Fatima... (continua)
venerdì, maggio 12, 2017

Fatima, quel viaggio di Paolo VI per la pace

Cinquant’anni fa Montini fu il primo Papa a visitare il santuario mariano portoghese: era preoccupato per le minacce della guerra nucleare. Non volle incontrare a tu per tu suor Lucia.

di Andrea Tornielli

Vatican Insider - Città del Vaticano. Il viaggio di Papa Francesco a Fatima avviene esattamente cinquant’anni dopo quello compiuto da Paolo VI, il primo Pontefice a recarci in pellegrinaggio nel santuario mariano portoghese.

Paolo VI era stato invitato l’anno precedente dall’episcopato portoghese, che gli chiedeva di presenziare alle celebrazioni per il cinquantesimo anniversario delle apparizioni. La decisione iniziale era stata però quella di non accettare, tanto che il 15 aprile 1967 il Papa aveva nominato suo legato per le celebrazioni il cardinale curiale di origini portoghesi José da Costa Nuñes
... (continua)
giovedì, maggio 11, 2017

Fatima: mons. Trasarti (Fano): no a speculazioni su presunte catastrofi del terzo segreto di Fatima "che la Chiesa avrebbe tenuto nascosto"

In occasione del centenario delle apparizioni, mons. Trasarti, nella lettera “La forza di Maria” indirizzata alle famiglie, ammonisce coloro che speculano sul terzo segreto di Fatima, tanto da spingere "molte persone a crearsi l’alibi delle profezie terroristiche".

di Dario Cataldo

Una dura risposta del Vescovo di Fano-Fossombrone-Cagli-Pergola, monsignor Armando Trasarti, a quelli che cercano di trovare messeggi subliminali laddove non esistono. Il caso specifico è il terzo segreto di Fatima, tornato di moda per le celebrazioni del centenario delle apparizioni mariane. Dichiara Trasanti: "Non si deve speculare con morbosa curiosità... (continua)
lunedì, aprile 24, 2017

"Bibbia per ragazzi" e "Bibbia per ragazze", due ottime idee regalo

Curate illustrazioni, citazioni tratte da “La Sacra Bibbia” della Cei e domande stimolanti per ragazzi e ragazze, fanno di questi testi, due interessanti strumenti per avvicinare i più giovani al Cristianesimo.

Recensione di Dario Cataldo

Il testo della Bibbia è ricco e variegato, frutto della fusione di secoli di storia a supporto del Dio-uomo, Gesù Cristo. Sono tanti gli eroi e le eroine che popolano le pagine bibliche, campioni della fede che con il proprio esempio, nonostante le asperità della vita, testimoniano la presenza di Dio nel mondo. Nei due testi editi dalle Paoline, “Bibbia per Ragazzi” e “Bibbia per Ragazze”, con illustrazioni curate da Gustavo Mazali, l'attenzione è proprio concentrata sui personaggi del Vecchio e del Nuovo Testamento che nonostante il tempo trascorso hanno sempre qualcosa da insegnare... (continua)
mercoledì, aprile 05, 2017

Frustata una 14enne musulmana di orgine marocchina: "si vestiva in modo eccessivo"

Nuovo caso di maltrattamento in famiglia per motivi religiosi fondamentalisti. La ragazza è stata affidata a una comunità.

Un'altra ragazzina 14enne sarebbe stata "punita" perchè non si adegua ai valori della famiglia musulmana. Il caso è riportato da la "Provincia Pavese". Il tribunale dei Minori di Milano ha tolto temporaneamente alla famiglia marocchina la ragazza per affidarla a una comunità. Sarebbe stata percossa e frustata dai genitori e dal fratello perché - dicono i familiari- non voleva andare a scuola, rientrava tardi e si vestiva in modo eccessivo... (continua)
venerdì, marzo 31, 2017

Esclusiva, Fra Daniele Natale, il prediletto da San Pio da Pietrelcina

In esclusiva per Lpl News24, P. Pio Capuano racconta la sua esperienza di vita con il prozio, fra Daniele Natale, il cappuccino laico tra i più stretti confidenti di San Pio da Pietrelcina.

Intervista di Dario Cataldo

In un'intervista concessa in esclusiva per Lpl News24, P. Pio Capuano, pronipote di fra Daniele Natale, analizza la figura del "riconquistatore di anime", con alle spalle la lunga amicizia con il Santo di Pietrelcina e un'esperienza di post mortem in Purgatorio in espiazione dei peccati. Come racconta il nipote: "Dopo la sua morte si presentò al cospetto di Dio, che lo condannò a tre ore di purgatorio (che non corrispondono alle nostre ore, ma sembrano un’eternità). In questa atroce sofferenza si rivolse al s. P. Pio e alla Madonna". Una storia affascinante per un uomo prossimo agli onori degli altari. Diamo il benvenuto a P. Pio Capuano... (continua)
giovedì, marzo 23, 2017

Lutero, un convegno in Vaticano per capire la Riforma e il “dramma” di un uomo

Dal 29 al 31 marzo, a Roma, l’incontro organizzato dal Pontificio Comitato di Scienze storiche Padre Ardura: «Dopo cinque secoli di lontananza, lo sguardo è cambiato».

Salvatore Cernuzio, Città del Vaticano

Vatican Insider - Papa Francesco vuole «riabilitare» la figura di Lutero? «Non lo so. So però che Lutero è stato percepito nei secoli del passato come l’incarnazione del diavolo, quello che ha rotto la comunione e via dicendo… Oggi non si tratta di dire che quello che ha fatto Lutero sia una cosa buona, però possiamo spiegare gli eventi che hanno portato alla riforma e agli sviluppi che sono seguiti». Per padre Bernard Ardura, presidente del Pontificio Comitato di Scienze Storiche, polemiche e «interpretazioni personali» vengono dopo, ciò che conta è la «ricerca della verità» di un contesto storico, economico e politico che ha esasperato una riforma inizialmente animata da «buone intenzioni», provocando una «rottura» durata cinque secoli che ancora oggi rappresenta «una ferita aperta»... (continua)
giovedì, marzo 23, 2017

Cei, Mons. Galatino: serve "un approccio laico, non confessionale, attento a sviluppare un’antropologia integrale"

In un comunicato finale del Consiglio Episcopale Permanente, svoltosi a Roma dal 20 al 22 marzo, sotto la guida del card. Bagnasco, il Segretario Generale della Cei esprime "preoccupazione" e propone la ricetta per affrontare il disagio.

di Dario Cataldo

"I Vescovi si sono ritrovati nella preoccupazione per la deriva antropologica, che impregna la cultura del Continente". Con tale consapevolezza, il Segretario Generale della Cei, mons. Nunzio Galatino, fa una riflessione che "muova esperienza umana" per tradurla in soluzioni concrete: "Un approccio laico, non confessionale, attento a sviluppare un’antropologia integrale"... (continua)
mercoledì, marzo 22, 2017

"Supplemento d'indagine" per l'Ausiliare di Mons. Lorefice. Bloccata la nomina

Duro colpo per la Diocesi di Palermo, specie perché avvenuta il 10 febbraio scorso. Mons. Corrado Lorefice ne prende atto. Ad oggi, tutto bloccato.

di Dario Cataldo

Una notizia che lascia un alone di mistero su una vicenda ormai data per certa. Mons. Adriano Bernardini, nunzio apostolico in Italia, avrebbe chiesto all'Arcivescovo di Palermo, mons. Corrado Lorefice, di bloccare l’ordinazione episcopale del vescovo ausiliare dell'arcidiocesi palermitana, il frate cappuccino Giovanni Salonia... (continua)
mercoledì, marzo 22, 2017

Papa Francesco: "Chiamare peccato il peccato, e non chiamatelo liberazione e progresso"

Udienza del mercoledì per Papa Francesco che cita San Giovanni Paolo II e invita a "tutelare l'acqua come bene di tutti". Infine un avvertimento: nella Chiesa non c’è “serie A” e “serie B”.

di Dario Cataldo

Un mercoledì da Francesco, come tanti da quattro anni ad oggi. L'occasione dell'udienza di metà settimana da una gremita Piazza San pietro è stato il pretesto per lanciare le frecce da un arco che non conosce sosta. Il calendario liturgico offre spunti di riflessione. Ecco perché sostiene il Papa: dobbiamo "imparate a chiamare bianco il bianco, e nero il nero, male il male, e bene il bene... (continua)
martedì, marzo 21, 2017

Papa: il confessionale non è una tintoria, serve la vergogna del peccato

Essere perdonati e perdonare: un mistero difficile da capire. Servono preghiera, pentimento e vergogna.

Radio Vaticana - E’ quanto affermato da Papa Francesco nella Messa mattutina a Casa Santa Marta. Il Pontefice ha ribadito l’importanza di essere coscienti della meraviglia che Dio compie in noi con la sua misericordia, per poterla poi esercitare con gli altri e ha messo in guardia dall' ipocrisia di "rubare un finto perdono" nel confessionale. Il servizio di Gabriella Ceraso:

Il perdono è un “mistero difficile da capire”.
Il Papa svolge la sua omelia ripercorrendo la Parola del giorno con cui, dice, la Chiesa ci fa “entrare in questo mistero”, la grande “opera di misericordia di Dio”... (continua)
martedì, marzo 21, 2017

Cei, card. Bagnasco: "Il pensiero unico continua a denigrare l’istituto familiare e a promuovere altri tipi di unione"

Nella prolusione in occasione della riunione del Consiglio Episcopale Permanente in programma a Roma dal 20 al 22 marzo 2017, tanti i temi di riflessione offerti dal Porporato. Famiglia, lavoro, bambino migranti e fine vita, gli argomenti più gettonati. Pensiero speciale a Papa Francesco: "Siamo una Chiesa che si sente costantemente accompagnata dal magistero del Santo Padre".

di Dario Cataldo

"Al Papa rinnoviamo, la nostra disponibilità e il nostro affetto". Con queste parole il Card. Angelo Bagnasco, Arcivescovo di Genova e Presidente della CEI, tiene a ribadire quanto la linea di pensiero dell'Istituzione che presiede, sia conforme a quella di Papa Francesco. Piena solidarietà alle famiglie e ai bambini: "Non di rado accade, in alcuni Paesi europei, che, con motivazioni condivisibili... (continua)
venerdì, marzo 17, 2017

Esclusivo, P. Cavalcoli si racconta: "Sono stato vittima dei misericordisti, aizzati dai gay"

In un'intervista esclusiva per Lpl News24, P. Giovanni Cavalcoli, spiega il perché di un accanimento mediatico nei suoi confronti, il suo punto di vista sul pontificato troppo "misericordista" di Papa Francesco e dei conflitti interni che la Chiesa "non riesce a sanare". Sul caso Collins? "Nell’episcopato c'è una specie di mafia".

Intervista di Dario Cataldo

Nato a Ravenna, classe 1941, filosofo, socio della Pontificia Accademia Teologica Romana, nell’Ordine Domenicano dal 1971, e ordinato sacerdote dal 1976; dal 2011 è docente emerito di Teologia Dogmatica presso la Facoltà Teologica dell’Emilia-Romagna e di Metafisica nello Studio Filosofico Domenicano di Bologna. Diamo il Benvenuto a P. Giovanni Cavalcoli, che in esclusiva si racconta per i nostri lettori... (continua)
giovedì, marzo 16, 2017

Controverse questioni relative al "fine vita", riflessioni sul tema, nel libro di Roberto Fantini

"Vivi o morti? Morte cerebrale e trapianto di organi: certezze vere e false, dubbi e interrogativi". È questo il titolo del libro di Roberto Fantini, che porta un importante contributo all’approfondimento di un tema delicato, di fatto poco affrontato e che ciascuno dovrebbe invece declinare nei suoi vari aspetti di natura scientifica, giuridica, filosofica e persino teologica, al fine di mettere a fuoco sicuri elementi di giudizio.

di Roberto Fantini

Gentile Direttore,
in merito alle complesse e controverse questioni relative al "fine vita", in queste ultime settimane, ho avuto modo di apprezzare le riserve e le preoccupazioni avanzate, all'interno del mondo cattolico, con l'intento di impedire qualsiasi forma di violazione del diritto alla vita, anche in presenza di casi considerati "estremi".

Mi chiedo, però, come mai non venga sollevato e affrontato anche il problema dei cosiddetti "morti cerebrali" (con tutto ciò che a tale problema si collega: donazione di organi, espianto e trapianto di organi), problema a mio avviso di enorme complessità teoretica e dalle enormi implicazioni etiche ... (continua)
giovedì, marzo 16, 2017

Diocesi Monreale, mons. Pennisi: no ai mafiosi come padrini di battesimo o di cresima

Duro attacco dell'arcivescovo della Diocesi siciliana che, con un decreto vieta a chi è mafioso o suo affine di ricoprire il ruolo di padrino o madrina durante il Sacramento del Battesimo o della Cresima.

di Dario Cataldo

L'antica consuetudine di scegliere i padrini o madrine che cooperino con i genitori o i cresimandi, alla piena adesione al cristianesimo, da oggi, nella Diocesi di Monreale è interdetta a tutti coloro "fanno parte della mafia o a essa aderiscono o pongono atti di convivenza". A stabilirlo è mons. Michele Pennisi, arcivescovo della Diocesi... (continua)
mercoledì, marzo 15, 2017

Parigi, Acs Francia: veglia di preghiera per i cristiani perseguitati

Nella Cattedrale di Notre-Dame, venerdì 24 Marzo si terra “La notte dei testimoni. Veglia di preghiera per i cristiani perseguitati”. Lo scopo? “Attirare la pubblica attenzione sulla dura realtà della persecuzione contro i cristiani".

di Dario Cataldo

Un segnale che amplifichi un grido di aiuto troppo spesso relegato al silenzio. Venerdì 24 marzo Aiuto alla Chiesa che soffre Francia,organizzerà una veglia di preghiera, il cui scopo è “attirare la pubblica attenzione sulla dura realtà della persecuzione contro i cristiani e per impedire che sulle loro storie cali la consueta indifferenza”... (continua)


___________________________________________________________________________________________
Testata giornalistica iscritta al n. 5/11 del Registro della Stampa del Tribunale di Pisa
Proprietario ed Editore: Fabio Gioffrè
Sede della Direzione: via Socci 15, Pisa