Visualizzazione post con etichetta economia. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta economia. Mostra tutti i post
mercoledì, giugno 27, 2018

Dazi: Trump fa un passo indietro, mercati rimbalzano

Donald Trump potrebbe alla fine evitare un’escalation della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina.

di Daniele Chicca

WSI - Le autorità Usa hanno fatto sapere ai media che l’amministrazione Trump potrebbe rinunciare ai piani per imporre un divieto alle imprese cinesi di comprare quote azionarie e lanciare la scalata ai gruppi americani. Il governo americano prova a seguire un’altra strada, che passa dal tentativo di convincere il Congresso a rafforzare i poteri di un pannello speciale, chiamato Commissione degli Investimenti Stranieri (Committee on Foreign Investment, CFIUS), al fine di proteggere i diritti di proprietà intellettuale Usa... (continua)
venerdì, giugno 22, 2018

Dazi: distensione Usa-Cina, ma è un’altra la “guerra commerciale da temere”

Se l’appetito per il rischio è tornato oggi sui mercati non lo si deve soltanto ai dati macro più positivi del previsto pubblicati in alcune delle economie più robuste dell’area euro.

di Daniele Chicca

WSI - La principale ragione, dicono gli analisti e investitori, è da ricercare nelle indiscrezioni secondo cui alcuni funzionari Usa sarebbero pronti ad avviare di nuovo i colloqui con la Cina prima che i dazi di Donald Trump entrino in vigore il prossimo mese. Quelle del presidente Usa sui nuovi dazi su alimentari e altri prodotto importati dalla Cina in molti casi restano ancora bloccate allo stadio delle minacce a parole, e non è detto che la guerra commerciale a tutto campo si concretizzi. A preoccupare dovrebbero essere piuttosto le dispute con altri partner commerciali come Ue e Canada... (continua)
giovedì, giugno 21, 2018

Salvini vuole maxi-condono: “chiudere cartelle sotto i 100 mila euro”

“Dodicimila evasori totali sconosciuti al fisco e grandi evasori che hanno rubato una media di due milioni di euro a testa. Onore alla Guardia di Finanza che li ha scovati, ora tocca al governo semplificare il sistema fiscale, ridurre le tasse e, da subito, chiudere tutte le cartelle esattoriali di Equitalia per cifre inferiori ai 100 mila euro, per liberare milioni di italiani incolpevoli ostaggi e farli tornare a lavorare, sorridere e pagare le tasse”.

di Mariangela Tessa

WSI - Cosí il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini, che ieri presente alla cerimonia del 244mo anniversario della Guardia di Finanza, complice l’annuncio delle Fiamme Gialle di avere recuperato 2,3 miliardi da mille grandi evasori, ha preso la balla al balzo per lanciare due precisi messaggi. Il primo è che la vera colpa dell’evasione fiscale ricade su pochi grandi contribuenti. Il secondo è che bisogna condonare le cartelle di tutti quei cittadini che hanno un debito con il fisco per cifre inferiori ai 100 mila euro... (continua)
mercoledì, maggio 09, 2018

Trump fa schizzare petrolio sopra $71, tassi Bond Usa oltre il 3%

In attesa del meeting dell’OPEC del 22 giugno a Vienna, è Donald Trump e non i fondamentali lato offerta a cambiare l’umore degli investitori nei confronti del petrolio. 


di Daniele Chicca

WSI - La rottura al rialzo di quota 71 dollari al barile da parte del contratto sul WTI, avvenuta dopo che il presidente Usa ha deciso di ritirare gli Usa dall’accordo sul nucleare iraniano stretto dal suo predecessore alla Casa Bianca nel 2015, viene ritenuta dagli analisti tecnici un evento importante.

Il future sul WTI americano scambia in rialzo del 2,95% dopo che ieri era sceso fino in area 68 dollari in seguito alle indiscrezioni della CNN secondo cui Trump non avrebbe stracciato l’intesa, concedendo ai fautori dell’accordo tempo per rinegoziare il patto con Teheran, che il presidente americano ha accusato di “finanziare il terrore”... (continua)
lunedì, maggio 07, 2018

Air France a rischio chiusura: si dimette AD. Titolo a picco

Air France sempre più nella bufera dopo l’amministratore delegato di Air France-Klm, Jean-Marc Janaillac, ha annunciato le sue dimissioni in seguito al referendum tra i lavoratori di Air France sul nuovo contratto che ha visto la vittoria di chi non è favorevole.

di Mariangela Tessa

WSI - Al referendum ha votato l’80,33% dei 46.771 dipendenti di Air France e il 55,44% ha espresso voto contrario al progetto del nuovo contratto.
Janaillac, che aveva proposto di mettere al voto il contratto, ha indicato in una nota che si assume le conseguenze dell’esito e che rimetterà le sue dimissioni al cda di Air France e a quello di Air France-Klm... (continua)
giovedì, maggio 03, 2018

Germania: i robot non distruggono il lavoro, anzi, lo creano

I robot porteranno ad estinguersi alcuni tipi di lavoro e faranno diminuire l’occupazione. 

di Livia Liberatore

WSI - Sulle conseguenze che porterà alla società l’intelligenza artificiale si sono susseguiti diversi studi, con pareri spesso discordanti. Fra chi esalta le possibilità offerte dai robot e chi si ritrae spaventato di fronte alla sola possibilità, arriva uno studio condotto dal Centro per la ricerca economica europea (Zew) di Mannheim, in Germania, e commissionato dal Ministero per l’istruzione e la ricerca tedesco a portare un po’ di chiarezza.
Nelle aziende tedesche che hanno abbracciato l’industria 4.0 dal 2011 al 2016 l’occupazione è cresciuta dello 0,2% all’anno. Gli investimenti in tecnologia hanno prodotto alla fine un saldo positivo dell’occupazione dell’1% nel periodo in esame. Significa che nel complesso, fra tagli e nuove assunzioni si è registrato un aumento dei posti di lavoro fra il 2011 e il 2016... (continua)
lunedì, febbraio 26, 2018

Bollette luce: la vera stangata arriverà nel 2019

Negli ultimi giorni non si fa altro che parlare delle bollette dei contribuenti morosi che finiranno per essere pagate da tutti ma un’altra novità è dietro l’angolo e rischia di accendere l‘ennesima polemica.

di Alessandra Caparello

(WSI) - Roma – Secondo quanto rende noto il Codacons nel 2019 si attende una vera e propria stangata sulle bollette della luce per la fine del mercato tutelato e il passaggio a quello libero. L’associazione dei consumatori ha calcolato che quest’anno una famiglia media pagherà 68 euro in più per la luce, facendo lievitare il conto annuale da 467 a 535 euro.
Ma con la fine del mercato a maggior tutela e con conseguente mercato libero, con tanto di prezzi decisi delle compagnie... (continua)
martedì, febbraio 13, 2018

In pensione prima con il prestito: al via l’Ape volontaria

Da oggi, martedì 13 febbraio 2018, si potrà fare all’Inps domanda per andare in pensione anticipata, l’Ape volontaria.

WSI - A fare domanda chi avrà almeno 63 anni nel 2018 (o almeno 63 anni e 5 mesi nel 2019) purché abbia maturato almeno 20 anni di contributi. Il requisito anagrafico minimo sale a 63 anni e cinque mesi nel 2019 dato che cresce di cinque mesi l’età per l’accesso alla pensione di vecchiaia (arrivando a 67 anni).

L’Ape volontaria è un vero e proprio prestito finanziario con garanzia pensionistica: si ottiene una pensione in anticipo rispetto agli anni che si dovrebbe e poi si dovrà restituire il prestito ottenuto con rate mensili (in totale 240) esclusa la tredicesima... (continua)
venerdì, gennaio 12, 2018

Italia: PIL, export e S&P

Crisi pare alle spalle: PIL in ripresa, agenzie di rating ottimiste (S&P ha alzato il giudizio), export, consumi e occupazione in crescita. Tutto davvero così positivo? 

WSI - L’Italia ha invertito la rotta. Non è una novità che l’Italia abbia avviato un percorso virtuoso. Il recente upgrade da parte di S&P non è altro che l’attestazione dell’inversione. Oggi il capo economista per l’Europa di S&P Global, Jean-Michel Six, ha mostrato le prospettive macro-economiche di S&P. Ha colto l’occasione per evidenziare che ... (continua)
sabato, dicembre 30, 2017

Assemblea Regionale Siciliana, Milazzo (FI): "Decisione Presidente ARS Miccichè legittima e responsabile"


Il Capogruppo di Forza Italia ritiene che le dinamiche di voto di ieri, per l'approvazione dell'esercizio provvisorio, in vigore sino al 31 Marzo prossimo, siano di giusta interpretazione. "Trovo strane le accuse del M5S sulla mancanza della maggioranza numerica", conferma Milazzo.

Redazione

"A seguito dei lavori in aula di oggi per l'approvazione dell'esercizio provvisorio, giusta e legittima è la decisione del presidente dell'Ars, on. Gianfranco Miccichè". Con  queste parole, Giuseppe Milazzo, Capogruppo di Forza Italia al Parlamento siciliano, si esprime dopo il voto di ieri in aula per l'approvazione dell'esercizio provvisorio... (continua)
martedì, dicembre 12, 2017

Italia, lavoro “a termine”: 33% contratti a tempo dura un giorno

Mercato del lavoro torna ai livelli pre-crisi: ma tra le luci si nascondono molte ombre nel primo rapporto di ministero del Lavoro, Istat, Inps, Inail e Anpal. 

WSI - Migliora la situazione occupazionale in Italia, che ritorna ai livelli pre-crisi, anche se a riportare i numeri in alto sono i contratti a termine, specie se brevissimi, mentre crollano gli autonomi e i giovani stentano a inserirsi. È una fotografia a luci e ombre quella emersa dal primo primo rapporto sul mercato del lavoro frutto della collaborazione di ministero ... (continua)
domenica, dicembre 10, 2017

Più della metà delle aziende italiane è in mano a stranieri

Secondo il Centro Studi di Unimpresa l'Italia è preda ambita degli investitori esteri a cui spetta il primato nell'azionariato. 

WSI - La crisi ha smesso di travolgere le aziende italiane, che nella prima parte del 2017 hanno visto crescere il loro valore di 32 miliardi di euro. Questo per le società per azioni, mentre le sole imprese quotate hanno visto un aumento della loro capitalizzazione di ben 45 miliardi. A fornire i dati il Centro Studi di Unimpresa secondo cui l’Italia ... (continua)
mercoledì, novembre 29, 2017

Ocse: economia mondiale si rafforza, ma investimenti troppo bassi

Esistono vulnerabilità" sotto il profilo finanziario e se i livelli di volatilità restano bassi "le probabilità di una pesante correzione sono alte". 

WSI - Nel suo report semestrale sulle previsioni circa lo stato dell’economia e i trend di mercato nei prossimi anni, l’Ocse si dice ottimista sulla crescita globale sul breve termine parlando di una ripresa “che si rafforza” mentre gli ultimi dati macro giunti “hanno sorpreso al rialzo”. Sono le parole pronunciate dalla capo economista Catherine Mann ... (continua)
martedì, novembre 28, 2017

Persone e imprese in cammino verso il raggiungimento del bene comune

Sabato 25 novembre si è svolto, presso il Gran Teatro Valdocco del centro salesiano a Torino, il primo convegno organizzato dalla AIPEC, Associazione italiana imprenditori per un’economia di comunione.

di Monica Cardarelli

Nata cinque anni fa nell’ambito del Polo imprenditoriale Lionello Bonfanti (www.pololionellobonfanti.it), l’AIPEC (www.aipec.it) è un’associazione che si ispira all’economia di comunione, voluta e promossa da Chiara Lubich: durante un viaggio in Brasile, Chiara rimase colpita dalla grande ingiustizia del divario tra ricchi e poveri, e iniziò a sognare un’economia che, ponendo al centro la persona e non il capitale, si prendesse cura anche degli ultimi, includendoli nel ciclo economico, considerando la loro dignità di persone.

L’economia di comunione, riprendendo i principi dell’economia civile, opera sia attraverso l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate, sia con la condivisione di parte degli utili dell’azienda con chi è in difficoltà, con l’intento di contribuire così a ristabilire un criterio di giustizia... (continua)
martedì, novembre 28, 2017

Bitcoin toccherà “facilmente $40mila entro il 2018″

Secondo Michael Novogratz, soprannominato "il Re dei Bitcoin" la ragione per la quale la criptovaluta è destinata a crescere ancora è molto semplice... 

WSI - Il Bitcoin è sempre più vicino alla soglia dei 10mila dollari, ma c’è chi crede che il grande balzo sia ancora innanzi alle fortune della criptovaluta per eccellenza: secondo Michael Novogratz (ex Fortress) entro il 2018 il Bitcoin potrebbe raggiungere “facilmente” quota quarantamila dollari... (continua)
giovedì, novembre 23, 2017

Pensioni, Padoan stoppa i sindacati: “Prima i giovani”

Prima i giovani poi le pensioni. Così il ministro dell’economia Pier Carlo Padoan nel corso di un’intervista a Repubblica rivolgendosi ai sindacati con cui è in atto negli ultimi giorni un braccio di ferro proprio sul tema pensioni.

di Alessandra Caparello

Roma (WSI) – Padoan subisce le pressioni dell’UE, che chiede non si faccia passo indietro sull’innalzamento dell’età pensionabile. Alla domanda se sulle pensioni il governo ha fatto una cosa di sinistra Padoan afferma:

“Direi di sì. La sostenibilità delle finanze pubbliche riguarda le generazioni future, che oggi sono più deboli. Capisco che è scomodo ricordarlo ma è il mio compito. E rinunciare all’adeguamento dell’età alla speranza di vita avrebbe fatto saltare parametri che la Commissione europea ritiene fondamentali per il contenimento del debito (…) Abbiamo trovato una soluzione per permettere a chi svolge lavori gravosi di andare in pensione prima di altri. Quindi la trattativa con i sindacati è stata positiva; ora si va in Parlamento visto che si tratta di emendamenti alla legge di Bilancio... (continua)
giovedì, novembre 23, 2017

Sabato 25 Novembre 2017 I Convegno Nazionale AIPEC


In occasione del V anniversario dell’ AIPEC - Associazione Italiana Imprenditori per un’Economia di Comunione, si terrà il I Convegno Nazionale AIPEC dal titolo “Una proposta: persone e Imprese al servizio del bene comune”.

L’evento avrà luogo sabato 25 Novembre dalle 9.00 alle 18.00 presso il Teatro Grande Valdocco a Torino, e sarà moderato da Lorena Bianchetti, giornalista e conduttrice televisiva Rai e Francesco Antonioli, giornalista de "Il Sole 24 Ore".

Il programma darà la possibilità di conoscere le radici dell’Economia Civile e di Comunione attraverso interventi presieduti da prestigiosi relatori, quali: Luigino Bruni, economista, coordinatore internazionale del Progetto di Economia di Comunione, nonché cofondatore della SEC - Scuola di Economia Civile, Ernesto Olivero, fondatore e presidente del Sermig, Andrea Mura, velista e imprenditore di successo, Fabio Storchi, imprenditore ed ex-presidente nazionale di Federmeccanica, Giovanni Paolo Ramonda, responsabile generale dell'associazione Comunità Papa Giovanni XXIII e molti altri ancora... (continua)
martedì, novembre 21, 2017

Italia, primo passo verso la fine del denaro contante

In Svezia meno del 2% dei pagamenti avviene in contanti.

di Francesco Puppato

WSI - Il paese scandinavo, che è tra i più virtuosi in Europa nel pagamento con carta di credito e bancomat, ha sostanzialmente abolito l’uso dei pagamenti cash; sono infatti decine i negozi “free cash area”, ovvero quegli esercizi nei quali è di fatto impossibile l’utilizzo della banconota.

Negozi, ristoranti, tabaccherie, bollette e il biglietti dei mezzi mezzi pubblici, autobus compresi: gli svedesi ormai tutto in modo elettronico. Per farlo, gli unici strumenti necessari sono un’applicazione nel telefono o una carta di credito... (continua)
lunedì, novembre 06, 2017

Black Friday 2017: Amazon attira consumatori tagliando i prezzi

In occasione del Black Friday 2017 Amazon taglia i prezzi dei prodotti dei terzi venditori per attirare le vendite, superando così la sua scontistica tipica sugli articoli che vende direttamente.

di Alessandra Caparello

New York (WSI) - Lo “sconto offerto da Amazon” si applica ai prodotti come i giochi da tavolo e i gadget tecnologici offerti da altri commercianti. Il sito di e-commerce più famoso al mondo, in occasione del Black Friday 2017, la giornata di sconti che segue il Giorno del Ringraziamento negli Stati Uniti e che quest’anno cade il 24 novembre –una giornata ricca di offerte e sconti, ma anche l’occasione perfetta per fare i tanti temuti acquisti di Natale – tenta di competere in modo aggressivo su alcuni articoli per vincere le vendite e attirare i clienti dai propri rivali a basso prezzo come Wal-Mart Stores. Il piano consente ad Amazon di vendere i prodotti a prezzi più bassi, pur continuando a dare il prezzo pieno ai venditori... (continua)
lunedì, novembre 06, 2017

Eurogruppo: si decide il futuro di Bce ed Europa

Ministro Finanze francese Le Maire, a caccia della presidenza Eurogruppo, parte per la Germania per discutere coi futuri leader del governo: Berlino chiederà in cambio posto di Draghi. 

WSI - Il ministro francese delle Finanze, Bruno Le Maire questa settimana sarà in viaggio “esplorativo” in Germania: lo scopo è fare la diretta conoscenza dei più probabili membri del futuro governo tedesco, fra cui Peter Altmaier, vicino ad Angela Merkel, Christian Lindner, leader dei liberali e Cem Oezdemir, fra i capi del partito dei Verdi... (continua)


___________________________________________________________________________________________
Testata giornalistica iscritta al n. 5/11 del Registro della Stampa del Tribunale di Pisa
Proprietario ed Editore: Fabio Gioffrè
Sede della Direzione: via Socci 15, Pisa