Visualizzazione post con etichetta patrizio ricci. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta patrizio ricci. Mostra tutti i post
giovedì, aprile 27, 2017

La Turchia bombarda base curda in Iraq: gli Usa sanno ma non avvertono gli alleati

Il 25 aprile,  a più riprese, aerei dell'aviazione turca hanno bombardato una base delle Unità di Protezione popolare vicino Dariq, nella zona montuosa del Jabal Qarju situata nella regione Shinqal, in territorio iracheno.

di Patrizio Ricci

L’attacco, oltre la distruzione della base e di un centro radio del Partito dell’Unione Democratica (PYD), ha causato la morte di 20 combattenti curdi delle Unità di Difesa Popolare (YPG) e 5 peshmerga curdi iracheni. Come si vede nel filmato a corredo dell'articolo, in seguito la zona del bombardamento è stata visitata da un comandante americano.... (continua)
domenica, aprile 16, 2017

Siria, i ribelli fanno strage di civili vicino Aleppo: più di di cento morti

I ribelli fanno esplodere un'autobomba in un parcheggio dove erano in sosta i pullman che trasportavano sfollati da villaggi sciiti: una strage di civili innocenti deliberata. Senza ‘forse’. Chiara nella sua esecuzione. Certa nelle sue responsabilità.

di Patrizio Ricci

 Attacco terroristico sul convoglio che portava in salvo i civili in fuga dalle città assediate dai miliziani di al-Fu’ah vicino Aleppo. I pullman erano in una area di sosta in attesa di proseguire quando è esplosa una auto imbottita di esplosivo. Secondo la fonte Associated Press, più di 100 persone sono state uccise... (continua)
venerdì, aprile 07, 2017

Attacco missilistico degli Stati Uniti su base aerea siriana, caposaldo della lotta contro ISIS

Questa mattina alle 04.40 sono partite dal cacciatorpediniere americano "Porter" nel Mediterraneo 59 missili Tomahawk diretti a colpire la base aerea siriana di Shayrat, meglio conosciuta come base 'T4' (situata nel deserto tra Palmyra ed Homs). L'esistenza della base è cruciale per la lotta contro ISIS e per arginare gli attacchi dei gruppi armati jihadisti nelle provincie centrali della Siria.

di Patrizio Ricci 

L'attacco effettuato dall' U.S. Navy sulla base aerea, ha ucciso 6 militari siriani e secondo fonti siriane, 9 civili. Le deflagrazioni hanno distrutto il magazzino della base, un edificio, alcuni hangar, radar e sei aerei MiG-23 che erano in manutenzione. La pista non è ancora agibile.
Dei 59 missili da crociera lanciati ne sono arrivati a destinazione... (continua)
mercoledì, aprile 05, 2017

Siria: ieri colpito arsenale chimico dei ribelli jihadisti

In provincia di Idlib non c'è stata nessun attacco chimico da parte del governo siriano: gli agenti tossici che hanno causato numerose vittime nel villaggio di Khan Shaykhun sono stati rilasciati da un arsenale dei jihadisti colpito da un bombardamento aereo siriano.

di Patrizio Ricci

Il rappresentante ufficiale del Ministero della Difesa russo Igor Konashenkov ha detto che l'aviazione siriana il giorno 4 aprile ha attaccato magazzini di munizioni in Khan Shaykhun dove i militanti erano impegnati nella produzione di munizioni con agenti chimici. Secondo il controllo radar oggettivo dello spazio aereo, ieri nel periodo 11:30-12:30 ora locale, l'aviazione... (continua)
lunedì, aprile 03, 2017

Per gli USA "la rimozione di Assad" non è più priorità ma poi ci ripensano. Un punto sulla situazione siriana

Siria: nuove 'esternazioni' americane rimuovono il più grande ostacolo alla pace ma poi vengono parzialmente ritrattate. Intanto i colloqui di pace proseguono stancamente in ordine sparso: una pluralità di soggetti porta avanti ognuno la propria iniziativa senza una visione chiara ed unanime.

di Patrizio Ricci

Giovedì scorso il segretario di stato americano Rex Tillerson in visita ad Ankara per mitigare l'intransigente posizione turca sui curdi, ha affermato che la priorità per gli Stati Uniti non è più la caduta di Assad e che questo potrà legittimamente deciderlo solo il popolo siriano. Gli aveva fatto eco da New York, Nikki Haley, l'ambasciatrice Onu alle Nazioni Unite, la quale aveva confermato... (continua)
mercoledì, marzo 22, 2017

Contrattacco jihadista su Damasco, bombardati quartieri residenziali

La situazione in Siria resta complessivamente difficile da quando le forze islamiste guidate da al Nusra hanno contrattaccato su tutti i fronti nella parte meridionale del paese. La situazione è difficile soprattutto a Damasco e nella parte nord-est di Hama.

                                               di Patrizio Ricci

La situazione nella capitale si è aggravata dal 20 marzo quando Jihadisti, islamici e ribelli affiliati con l'Esercito siriano libero (FSA), precisamente Hayat Tahrir al-Sham, Failak al-Rahman (FSA) e Harakat Ahrar al-Sham hanno improvvisamente contrattaccato le posizioni nella zona di Jobar, alla periferia di Damasco. Gli insorti provenienti da tutti e tre i gruppi - HTS, Ahrar Al Sham, e Faylaq al Rahman nelle foto... (continua)
mercoledì, marzo 15, 2017

I ribelli eseguono altri due attentati a Damasco

Oggi due attentatori suicidi si sono fatti esplodere in due diversi luoghi di Damasco. Secondo l’agenzia SANA il primo che si è fatto esplodere nei pressi del Palazzo di Giustizia nella capitale siriana ha provocato  la morte di almeno 31 persone e il ferimento di altre 102.

di Patrizio Ricci

Secondo quando ha riferito il capo della polizia Keir Mohammed Ismail, l’esplosione è avvenuta verso le 13:20 ora locale. Un attentatore suicida vestito in uniforme militare, in possesso di granate e arma automatica ha azionato l’esplosivo non appena è stato avvicinato dalle forze dell’ordine... (continua)
martedì, marzo 07, 2017

Ad Antalya (Turchia), primo incontro trilaterale tra i vertici militari di USA, Russia e Turchia sulla Siria

Secondo quanto riportato dal quotidiano americano 'Daily News' il 7 marzo, per la prima volta, ufficiali turchi, statunitensi e russi si sono incontrati ad Antalya (Turchia) in quello che per il suo genere è stato 'il primo vertice tripartito'. La riunione era stata annunciata il 6 marzo dall'emittente turca Haber  TV.

di Patrizio Ricci

Al meeting ha preso parte il capo di stato maggiore turco generale gen. Hulusi Akar,  il capo di stato maggiore degli Stati Uniti generale Joseph Dunford e il capo di stato maggiore russo generale Valery Gerasimov. Sebbene nel corso degli ultimi mesi erano avvenuti incontri bilaterali, finora
... (continua)
mercoledì, marzo 01, 2017

Siria: forze filo-turche attaccano l'esercito siriano a nord di Aleppo

Il governo siriano ha ripetutamente denunciato  la Turchia per violazione dei propri confini e di aver lanciato l’operazione ”scudo dell’Eufrate” senza la sua approvazione. L’operazione Eufrate Shield , iniziata il 24 di agosto 2016,  era stata giustificata dal dover difendere i confini turchi e dalla necessità di stabilire una “zona cuscinetto” di sicurezza in territorio siriano.

di Patrizio Ricci

Ankara ha avuto un ruolo chiave nell’aggressione siriana: ha fornito basi sicure ai ribelli in territorio turco, ne ha organizzato il reclutamento e l’addestramento, ha consentito l’ingresso dei foreign fighters provenienti da tutto il mondo, compresi quelli destinati a rinforzare l’ISIS.... (continua)
martedì, febbraio 21, 2017

USA, morto l’ambasciatore russo all’Onu Vitaly Churkin

Il ministero degli esteri russo ha annunciato ieri che l’ambasciatore all’Onu Vitaly Churkin,  “è morto improvvisamente” a New York alle ore 09.30 presso l'ambasciata russa per un attacco di cuore: era rappresentante permanente della Russia presso le Nazioni Unite dal 2006,

di Patrizio Ricci

Churkin era il più anziano e  noto diplomatico russo insieme a ministro degli esteri Sergey Lavrov. Nato a Mosca nel 1952, si era  laureato presso l’MGIMO nel 1974, successivammente aveva cominciato la sua carriera decennale presso il Ministero degli affari esteri . Durante il suo incarico all’Onu, memorabili i suoi scontri con i membri del Consiglio di Sicurezza che hanno sempre contestato le sue decisioni di
... (continua)
martedì, febbraio 21, 2017

USA, generale Herbert Raymond McMaster consigliere per la sicurezza nazionale

Il presidente Trump ha nominato ieri consigliere per la sicurezza nazionale il generale Herbert Raymond “HR” McMaster, definendolo “un uomo di enorme talento e di grande esperienza .”

Il generale Herbert Raymond “HR” McMaster in effetti, di esperienza ne ha da vendere ed è noto per il suo modo di parlare diretto e per sfidare i suoi superiori. Tuttavia, importa come sfrutterà questa esperienza, per il bene o per il male. Perchè il suo passato e le sue idee, per il ruolo che da adesso ricoprirà, non lasciano immaginare un futuro di distensione:

il generale Herbert Raymond McMaster infatti,  è considerato uno dei principali strateghi dell’esercito americano la cui... (continua)
mercoledì, febbraio 15, 2017

I retroscena delle dimmissioni di Flynn consigliere per la sicurezza USA

Michael Flynn, consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca si è dimesso.Ha ammesso di aver "inavvertitamente dato notizie imprecise" al vice-presidente Pence ed alla stampa sulle sue conversazioni con l'ambasciatore della Russia negli Stati Uniti.

di Patrizio Ricci

Ma cosa ha fatto Flynn di così grave? Ha promesso all'ambasciatore russo che quelle stupide ed ingiuste sanzioni che aveva comminato Obama a Mosca le avrebbe tolte, a cominciare dalle ultime comminate a pochi giorni dell'insediamento del suo successore, cosa che notoriamente non è la prassi: quindi... (continua)
venerdì, febbraio 10, 2017

Trump, le critiche sono legittime ma non quando a tema è la legittimità del mandato

E' sempre il suo turno: la prima occasione di stamattina per l’attacco al presidente americano è il suo “dietrofront rispetto alla Cina” ovvero il suo ripensamento in favore della politica della Cina unica. Per ‘Repubblica‘ un passo indietro rispetto all’apertura precedente a Taiwan.

di Patrizio Ricci

Più che il fatto in sé, comunque una libera critica, ciò che colpisce è la delegittimazione generale che travalica il singolo fatto di cronaca.Trump sarebbe "iracondo, impulsivo, invaghito di se stesso", dice l'autore nell'articolo. Ma a parte il corollario, la prima vera critica è che il modo di far politica del “singolare personaggio che alloggia... (continua)
giovedì, febbraio 02, 2017

Il presidente del Consiglio Europeo Donald Dusk scrive ai capi di Stato: l'Europa è in pericolo. I nemici? Tutti.

Non è uno scherzo, né una fake news: Il presidente della UE ha scritto ai capi di stato europei ed ha elencato loro le tre sfide che l’Europa dovrà affrontare ed a cui contrapporsi: sono Trump, la Russia, la Cina, le guerre, ‘il terrore e l’anarchia in medioriente ed in Africa, in cui l’Islam radicale gioca un ruolo un ruolo importante” ed il populismo.

di Patrizio Ricci

Il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk in una lettera ai capi di stato europei ha denunciato l’amministrazione Trump come un pericolo per l’Europa e ha chiamato tutti gli stati europei all’unità, a ‘far barriera’ contro la nuova amministrazione americana.
... (continua)
mercoledì, febbraio 01, 2017

Usa: Gorsuch alla Corte Suprema ma alcuni temono per la 'libertà delle donne'...

Trump ha nominato il giudice Neil Gorsuch alla Corte Suprema, per rimpiazzare il posto resosi vacante dopo la morte del giudice Antonin Scalia. Molti ambienti 'pro aborto' temono che con l'ingresso di un altro giudice conservatore alla Corte Suprema, si rimetta mano alla 'Roe v. Wade', un pronunciamento della Corte suprema del 1973 fortemente contestato e di dubbia legittimità.

                                                di Patrizio Ricci

Gorsuch è un giudice conservatore, competente, 'originalista e testualista' (ritiene che si debba leggere la costituzione testualmente, secondo lo spirito dei padri costituenti), fortemente stimato e sostenuto dai repubblicani. Per contro, i democratici sono divisi... (continua)
lunedì, gennaio 30, 2017

La Russia ha preparato un progetto di costituzione siriana che presenterà a Ginevra l’8 febbraio

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha detto venerdì scorso che la Russia ai prossimi negoziati di pace che si terrano l'8 febbraio a Ginevra, presenterà un progetto per una nuova Costituzione siriana. Tale progetto è stata costruito tenendo conto delle posizioni di Damasco, dell’opposizione e dei paesi della regione.

di Patrizio Ricci

L’analista militare, responsabile dell’Istituto di ricerca sul Medio Oriente Anton Mardasov riferisce sulla rivista russa ‘Geopolitica‘ che la bozza di costituzione amplia i poteri del Parlamento della Repubblica al quale è demandato la decisione nelle questioni di guerra e di pace, così come l’impeachment del presidente, la nomina dei membri della Corte Costituzionale, la nomina e la revoca del capo
... (continua)
martedì, gennaio 24, 2017

Aviazione russa attacca l’ISIS in base alle coordinate fornite dagli Stati Uniti

Ria Novosti riferisce che l’aviazione russa il 22 gennaio ha attaccato un obiettivo ISIS  grazie alle coordinate ricevute dagli Stati Uniti.

                                                di Patrizio Ricci

La zona dove è stato effettuato l’attacco è una zona vicino al villaggio siriano di Al-Bab situato in provincia di Aleppo. Il ministero della difesa russo riferisce che gli attacchi sono avvenuti dopo un approfondimento autonomo.Secondo un comunicato effettuato in videoconferenza, la Russia e la Turchia (appartenente alla
... (continua)
domenica, gennaio 22, 2017

Trump xenofobo ed Obama buon samaritano?

Trump xenofobo. Trump ed il problema dei migranti. Quello che non si dice è che gli effetti che vediamo oggi non si sono creati da soli ma con le guerre scatenate da Obama: chi oggi addita Trump ci lavora ancora alacremente.

                                               di Patrizio Ricci

Per Trump, la minaccia esistenziale per l’Occidente non viene più da un esercito russo desideroso di invadere l’Europa attraverso la Polonia e la Germania. Per Trump, “la minaccia esistenziale per l’Occidente sono i popoli del Maghreb, del Medio Oriente, e della zona sub-Sahara, che si stanno muovendo inesorabilmente verso il Mediterraneo, arrivando a occupare i posti lasciati vuoti da... (continua)
sabato, gennaio 07, 2017

Per la democrazia USA, più pericoloso l'hackeraggio o il contenuto delle mail della Clinton?

Ieri è stato diffuso il documento di 13 pagine contenenti le conclusioni dell'indagine congiunta dell’Homeland Security e dell’FBI incaricate ad indagare sull'hackeraggio al partito democratico ed alla Clinton.

di Patrizio Ricci

Sapete come è avvenuto l’hackeraggio delle mail di John Podesta con contenuti sensibili della Clinton? E’ stata inviata una mail con un link in cui gli chiedeva di aggiornare user id e password. Se non lo sapevate è perché sulla vicenda degli ‘hackeraggi delle mail a danno della Clinton si sta facendo molta, ma molta disinformazione.
La vicenda vale la pena di essere approfondita
... (continua)
giovedì, gennaio 05, 2017

Turchia: "gli Stati Uniti non fanno nulla contro l'ISIS"

Dal settimanale tedesco Die Zeit, il primo ministro turco Binali Yıldırım (presidente del partito AKP al potere) fa notare che "Il governo di Washington dovrebbe agire contro la milizia terrorista ma in realtà, non fa niente".

di Patrizio Ricci

"Gli Stati Uniti  da anni non si impegnano a sufficienza",  dice. Poi, si rivolge a Trump e chiede di fare in modo di  invertire la rotta "ponendo fine a questa disgrazia". In realtà ciò che Binali Yildirim dice,  non è nient'altro che il segreto di pulcinella. La verità è che gli USA hanno operato sempre fatto in modo di non logorare eccessivamente  il Califfato... (continua)


___________________________________________________________________________________________
Testata giornalistica iscritta al n. 5/11 del Registro della Stampa del Tribunale di Pisa
Proprietario ed Editore: Fabio Gioffrè
Sede della Direzione: via Socci 15, Pisa