Visualizzazione post con etichetta solidarietà. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta solidarietà. Mostra tutti i post
mercoledì, giugno 14, 2017

L’arcivescovo dorme in ufficio, in Vaticano, per dare la sua casa ai rifugiati

Dopo che ha deciso di lasciare il suo appartamento di via Borgo Pio a una famiglia di rifugiati, dorme in ufficio. L’arcivescovo polacco Konrad Krajewski, elemosiniere di Sua Santità, ha preso sul serio l’incarico datogli da Francesco nel 2013.

Papaboys - “La scrivania non fa per te, puoi venderla; non aspettare la gente che bussa, devi cercare i poveri”, gli disse al momento della nomina. Ma lui ha fatto di più. Saputo dell’arrivo tramite i corridoi umanitari promossi da Sant’Egidio di una coppia siriana (da pochi giorni è nata loro una bambina) ha ceduto l’appartamento che il Vaticano gli aveva concesso in quanto dipendente. E si è trasferito in ufficio, all’ultimo piano della piccola palazzina in dotazione all’elemosineria entro le mura leonine.

Per qualche settimana ha abitato in una stanza al pian terreno, dove sono conservate le pergamene che l’elemosineria compila con la benedizione apostolica a chi ne fa richiesta. Poi, lo spostamento a un piano superiore dove ha almeno garantita un po’ di privacy ... (continua)
mercoledì, marzo 15, 2017

Nello Yemen è allarme fame. La guerra saudita mette a rischio 17 milioni di persone

Secondo l’ultima analisi del Integrated Food Security Phase Classification (Ipc) pubblicato oggi dall’Onu partner umanitari, «Una grave insicurezza alimentare minaccia oltre 17 milioni di persone nello Yemen sconvolto dai conflitti.

GreenReport - 20 sui 22 governatorati del Paese si trovano in situazione di “crisi” o a livelli di insicurezza alimentare di “emergenza”, e quasi due terzi della popolazione devono adesso fare i conti con la fame e necessitano con urgenza di assistenza per salvare vite e mezzi di sussistenza. Senza un ulteriore sostegno umanitario, Taiz e Al Hudaydah, due governatorati che rappresentano quasi un quarto della popolazione dello Yemen, rischiano la carestia»... (continua)
martedì, febbraio 14, 2017

Aleppo: video-appello di Suor Maria Guadalupe de Rodrigo ad ACS-Italia

“Ad Aleppo circa 2.000 famiglie cristiane hanno urgente bisogno di cibo, acqua potabile, gasolio per riscaldamento, indumenti e medicinali. Anche se la fase più cruenta del conflitto si è conclusa non dobbiamo dimenticare le sue tristi conseguenze, che purtroppo permarranno per un tempo non certo breve.”.

ACS - Alessandro Monteduro, Direttore di ACS-Italia, spiega così l’iniziativa assunta dalla Fondazione, che sta proponendo alla comunità italiana uno specifico progetto per la martoriata città siriana. “Grazie ai nostri benefattori dal 2011 al 2016 nella sola Aleppo siamo riusciti a finanziare progetti per 2.458.731 euro, ma si tratta di una goccia nel mare delle attuali necessità.”.

“Nel luglio 2012 i cristiani aleppini erano circa 120.000, oggi si stima siano 35.000. Sono stati presi di mira in particolare i quartieri cristiani Azizie e Sulaymaniyeh... (continua)
giovedì, gennaio 12, 2017

Gli occhi di Cristian conquistano un’intera scuola

Un tentativo di emarginazione. Un gesto di solidarietà. Una storia che accarezza il cuore. Tutto è cominciato con uno sguardo. 

                                           di Paolo Antonio Magrì 

Questa è la storia di Cristian, professione piccolo studente di appena sei anni, e di Alfonso, professione papà. Cristian deve affrontare quotidianamente le gravi difficoltà motorie causate dalla sua disabilità, ma niente paura: ci pensa Alfonso a occuparsi di lui. Le attenzioni "naturali" di un papà potremmo pensare, se non fosse che Alfonso non è il papà di Cristian ma il genitore del suo compagnetto di classe, che Cristian appartiene alla comunità Rom, che Cristian sembrerebbe destinato a scrivere il proprio futuro su ... (continua)
lunedì, novembre 14, 2016

Il Giubileo degli esclusi: il sogno di una Chiesa povera per i poveri

Si è concluso domenica 13 novembre il Giubileo dei senza fissa dimora, degli esclusi, voluto da Papa Francesco e reso possibile grazie al lavoro dei volontari dell’associazione francese “Fratello”.

di Monica Cardarelli

Nel 2014 alcune parrocchie francesi e associazioni che si occupano dei senza fissa dimora si sono recate a Roma in udienza da Papa Francesco. L’entusiasmo nato da quell’incontro ha spinto i volontari a sognare un evento più ampio che raccogliesse i poveri da tutta Europa. Dopo mesi di riflessione, i responsabili furono contattati dal Vaticano e gli fu espressa la volontà di Papa Francesco di dedicare ai senza fissa dimora un evento giubilare, in occasione della chiusura delle porte sante di tutto il mondo... (continua)
lunedì, novembre 07, 2016

Vescovi Australia: provvedimento crudele negare asilo a migranti

"L'annuncio che il governo introdurrà un nuovo provvedimento che vieta ai rifugiati giunti in Australia via mare dal 19 luglio 2013 di richiedere un visto, è profondamente deludente. Andare alla ricerca di asilo non è illegale. Si tratta di un diritto umano fondamentale. Eppure l'esecutivo vieterà loro per sempre di venire qui".

Radio Vaticana - Lo afferma il vescovo Vincent Long, presidente della Commissione per i rifugiati
della Conferenza episcopale cattolica di Australia, esprimendo i sentimenti dei vescovi di fronte alle politiche del governo australiano in merito alla questione di rifugiati e migranti.

Condizioni disumane nei Campi profughi in Australia
Il vescovo spiega in una nota ripresa dall'agenzia Fides:... (continua)
venerdì, novembre 04, 2016

Francesco: vincere l'indifferenza, accogliere profughi e rifugiati

Superare l’indifferenza, accettare l’altro. E’ quanto chiede Papa Francesco nel videomessaggio per l’intenzione di preghiera del mese di novembre. Il Pontefice torna a esortare un “impegno di solidarietà” a sostegno di quei Paesi che “accolgono un grande numero di profughi e rifugiati”. Il servizio di Alessandro Gisotti: ascolta

Radio Vaticana - “Può un paese far fronte da solo alle difficoltà che produce la migrazione forzata?”.
E’ la domanda che Papa Francesco rivolge a tutti noi nel videomessaggio per l’intenzione di preghiera del mese di novembre. Il Papa torna a parlare del tema a lui caro della cura dei migranti ed esorta a superare "la indifferenza e la paura di accettare l'altro”. Mentre scorrono le immagini con i volti di persone di diversa etnia il Papa ribadisce che “l’altro” potrebbe essere ognuno di noi. Di qui, l’esortazione ad unirsi alla sua preghiera: “Perché i Paesi che accolgono un grande numero di profughi e rifugiati siano sostenuti nel loro impegno di solidarietà”... (continua)
giovedì, novembre 03, 2016

Nell’Orissa, terra ancora ferita dagli scontri del 2008, progetto ACS per una nuova chiesa

A Kasabasa «ogni giorno la gente guarda il cielo per sapere se riuscirà a partecipare alla Messa», ha scritto ad Aiuto alla Chiesa che Soffre Padre Santosh Singh, parroco a Bamunigam, nello Stato federato dell’Orissa (India).- dona ora.

Il villaggio di Kasabasa fa parte del territorio parrocchiale. In questi territori, nell’agosto del 2008, i fondamentalisti indù trucidarono oltre 100 Cristiani, incendiarono 5.600 case e distrussero 295 chiese. Monsignor John Barwa, Arcivescovo di Cuttack-Bhubaneswar, capoluogo dell’Orissa, ricorda quei giorni terribili e la fierezza con la quale la sua gente è rimasta cristiana: «I fedeli che incontro mi dicono che se c’è una cosa che i persecutori non possono fare, è quella di riuscire a separarli da Gesù ... (continua)
domenica, agosto 14, 2016

Sprechi alimentari: approvata la legge

È stato approvato dal Senato il ddl contro gli sprechi alimentari.

Informasalus - Il provvedimento, che ha già ottenuto il via libera della Camera, è dunque ora legge. Tra gli obiettivi principali della norma vi sono l’incremento del recupero e della donazione delle eccedenze alimentari, con priorità della loro destinazione per assistenza agli indigenti. Al contempo viene favorito il recupero di prodotti farmaceutici e altri a fini di solidarietà sociale. Importante anche il contributo alla limitazione degli impatti negativi sull’ambiente e all’educazione dei cittadini per diminuire gli sprechi alimentari... (continua)
giovedì, giugno 30, 2016

Fao: in Sud Sudan 4,8 milioni di persone a rischio fame

Saranno circa 4,8 milioni le persone in Sud Sudan - ben più di un terzo della popolazione - che nei prossimi mesi dovranno fare i conti con una grave scarsità di cibo, mentre il rischio di una catastrofe per i livelli di fame, continua a minacciare parti del Paese, hanno avvertito oggi tre agenzie delle Nazioni Unite.

Radio Vaticana - L'Organizzazione per l'Alimentazione e l'Agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), il Fondo delle Nazioni Unite per l'Infanzia (Unicef) e il Programma Alimentare Mondiale (Wfp) hanno sottolineato che, mentre il deterioramento della situazione coincide con una stagione magra insolitamente lunga e dura - durante la quale le famiglie hanno impoverito le loro scorte di cibo e non si aspettano nuovi raccolti fino ad agosto - il livello di insicurezza alimentare quest'anno è senza precedenti... (continua)
giovedì, giugno 30, 2016

Centrafrica: ACS continua ad alimentare il “miracolo di papa Francesco”

«La tensione è sopita ma è sempre dietro l’angolo», così padre Aurelio Gazzera descrive ad Aiuto alla Chiesa che Soffre l’attuale situazione nella Repubblica Centrafricana, dopo i recenti scontri avvenuti sia nella capitale Bangui che nel Nord del paese. Padre Gazzera è un missionario carmelitano da oltre vent’anni in Centrafrica, che attualmente vive a Bozoum ed è direttore della Caritas di Bouar.

L’11 giugno alcuni membri della coalizione ribelle Seleka hanno scortato dei locali che trasportavano del bestiame, probabilmente rubato, verso la frontiera con il Camerun. Giunti ad un posto di blocco vicino alla città di Ngaoundaye, la polizia ed alcuni membri delle milizie anti-balaka hanno intimato agli uomini della Seleka di consegnare le armi. È seguito un conflitto a fuoco e «per vendicarsi – spiega padre Gazzera – nelle ore e nei giorni seguenti alcuni ribelli hanno attaccato Ngaoundaye». «Gli abitanti si sono immediatamente rifugiati nella missione locale gestita dai frati cappuccini, “visitata” poco dopo anche da membri della Seleka, che tuttavia si sono limitati a rubacchiare qualcosa e a minacciare frati e abitanti, senza essere troppo violenti»... (continua)
domenica, giugno 05, 2016

MAECI e FIGC - Nuovo progetto calcistico di cooperazione internazionale con le Isole del Pacifico

Secondo appuntamento per i progetti di cooperazione nel settore calcistico organizzati nel mondo dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio. 

Dopo i seminari tecnici tenuti da Marcello Lippi a St. Vincent e Antigua dal 2 al 5 maggio, ora saranno Enrico Sbardella e Stefano D’Ottavio che terranno uno stage tecnico per 30 giovani calciatori di Tuvalu dal 1° al 13 giugno, realizzato in collaborazione con il MAECI. Sbardella è allenatore della Nazionale Under 19 femminile ed è stato, nel 2013, medaglia di bronzo ai mondiali femminili Under 17, mentre D’Ottavio è docente all’Università di Tor Vergata e coordinatore dei preparatori atletici delle Nazionali Femminili... (continua)
martedì, maggio 24, 2016

Giornata mondiale della preghiera per la chiesa in Cina

Accanto alla preghiera, l’aiuto concreto di ACS ai cristiani cinesi. 

Un sostegno iniziato molte decadi fa. Era il 1961 quando Aiuto alla Chiesa che Soffre ha incominciato a prendersi cura dei profughi cristiani fuggiti dalla Cina. Da allora la fondazione non ha mai smesso di aiutare i cristiani cinesi a mantenere viva la fede, nonostante le gravi limitazioni imposte da Pechino. Chiese rase al suolo, croci demolite, vescovi scomparsi o agli arresti domiciliari, sacerdoti e fedeli detenuti. È questa la realtà dei cristiani in Cina, dove tuttavia il Cristianesimo continua a crescere. Se il governo dichiara appena 30milioni di cristiani cinesi, secondo recenti studi sarebbero infatti almeno 68milioni... (continua)
venerdì, maggio 06, 2016

Raccolta alimentare Caritas: povertà sempre più visibile

Un'intera giornata dedicata all'aiuto degli altri, attraverso beni di prima necessità. 

Radio Vaticana - In 54 supermercati domani, sabato 7 maggio, sarà possibile devolvere parte della spesa alle famiglie in difficoltà. "La povertà è sempre più visibile nei nostri quartieri" ha ribadito Gianni Pizzuti, responsabile dell'area educazione al volontariato della Caritas Diocesana di Roma, aggiungendo che il lavoro che viene fatto negli Empori della solidarietà non è solo materiale ma anche di ascolto per chi vive disagi e problematiche. Valentina Onori lo ha intervistato: ascolta... (continua)
domenica, maggio 01, 2016

Aiuto alla Chiesa che soffre illumina di rosso Fontana di Trevi e porta in prima pagina il martirio dei cristiani nel mondo

«Ringrazio Aiuto alla Chiesa che Soffre per il suo coraggio e la sua determinazione nel sostenere i cristiani perseguitati. Questo evento, unico e originale, che onora il sangue dei martiri che grida verso il cielo, ci stimoli tutti a non lasciarci arrendere e a credere alla pace, a costruirla giorno per giorno». 

Sono parole Monsignor Antoine Audo, vescovo caldeo di Aleppo, pronunciate alle 20.45 circa di ieri sera (venerdì) , pochi minuti dopo che Fontana di Trevi, illuminata da fasci di luce rossa, ha portato all’attenzione il dramma della persecuzione, di cui sono vittima almeno 200milioni di cristiani. L’iniziativa era promossa dalla fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre.
«Siamo qui per far sentire ai cristiani perseguitati che non sono soli - ha detto in apertura Monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Conferenza episcopale italiana - i seguaci di Cristo sono i primi a subire persecuzioni e per questo dobbiamo essere in prima fila in eventi come questo»... (continua)
giovedì, aprile 28, 2016

Alberto Luzzi: “Ho cambiato vita per ricostruire il Nepal”

L'imprenditore romano Alberto Luzzi ha trasformato la sua vita per aiutare il Nepal messo in ginocchio dal terremoto del 25 aprile del 2015. E' così che è nata l'associazione Jay Nepal (“Risorgi Nepal”) che ha tra i suoi principali obiettivi quello di trasformare Bodgaun, uno dei posti più sfortunati sulla terra, in un villaggio modello, dove poter vivere con dignità e gioia. 

di Simona Valesi  

Italiachecambia - Per dar più senso alla sua vita, è passato dalle pietre preziose ai massi delle macerie. Sembra una strofa uscita da una canzone di De André, nello stile della sua filosofia umanitaria e politicamente corretta, e invece è la storia vera di Alberto Luzzi, imprenditore romano nel settore gioielli, appassionato di trekking di altura e arrampicata che ha trasformato la sua vita per aiutare il Nepal devastato dal terremoto. Ricorreva infatti ieri, 25 aprile, il primo anniversario del cataclisma che ha colpito 1500 chilometri di territorio tra Nepal, India, Cina, Bangladesh e Pakistan, distrutto 870mila case e seminato oltre 10,000 vittime... (continua)
mercoledì, aprile 20, 2016

Fontana di Trevi: anche Regione Lombardia e avvenire aderiscono all’evento acs

Nuove adesioni all’evento che Aiuto alla Chiesa che Soffre organizzerà il prossimo 29 aprile alle 20 a Fontana di Trevi. 

La Fondazione pontificia investirà la nota fontana romana di fasci di luce rossa a simboleggiare il sangue dei tanti martiri cristiani che oggi, ancor più che nei primi secoli, sono uccisi in odio alla fede. Dopo un primo cospicuo sostegno di numerose realtà associative, giunge ora l’adesione della Regione Lombardia, che sarà rappresentata a Roma dall’assessore regionale alle Culture, Identità e Autonomie di Regione Lombardia, Cristina Cappellini. «Un'iniziativa importante e di grandissimo significato simbolico come quella di Aiuto alla Chiesa che Soffre – non poteva non avere il nostro pieno e convinto supporto»... (continua)
martedì, aprile 19, 2016

Monsignor Coutts: dal Pakistan ci uniamo all’iniziativa di ACS

Fontana di trevi in rosso per ricordare che anche oggi i cristiani sono perseguitati

«È molto importante che il mondo sappia che anche nel XXI secolo i cristiani sono perseguitati e finanche martirizzati per la loro fede, esattamente come accadeva secoli fa». Così monsignor Joseph Coutts, arcivescovo di Karachi e presidente della Conferenza episcopale del Pakistan, esprime il suo apprezzamento per l’iniziativa di Aiuto alla Chiesa che Soffre, che il 29 aprile alle 20 illuminerà di rosso Fontana di Trevi, in ricordo del sangue dei martiri cristiani ... (continua)
domenica, aprile 17, 2016

Regina Caeli. Papa Francesco: a Lesbo ho visto tanto dolore

“Ho visto tanto dolore”. Al Regina Caeli in Piazza San Pietro, Papa Francesco ha parlato con commozione della sua visita di ieri tra i profughi accolti sull’isola greca di Lesbo, condivisa con il Patriarca ecumenico Bartolomeo I e l’arcivescovo ortodosso di Atene, Ieronymos.  

Radio Vaticana - Il Papa ha anche espresso solidarietà per le vittime del sisma in Ecuador e per quello avvenuto in Giappone qualche giorno fa e ha invocato attenzione per i lavoratori precari dei call center. Il servizio di Alessandro De Carolis:
Una notte non basta a far sedimentare ciò che mente e cuore hanno assorbito di una giornata di emozioni potenti, che poche volte capita nella vita ... (continua)
venerdì, aprile 08, 2016

Accoglienza profughi nel convento dei frati minori di Gualdo Tadino

Nel primo pomeriggio del 6 aprile alcuni profughi sono stati accolti nel convento della Ss. Annunziata di Gualdo Tadino. Ad accoglierli la Caritas diocesana di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino con il sostegno della Provincia Serafica dei Frati Minori dell’Umbria. 

La Caritas provvederà agli operatori stabiliti secondo le normative vigenti, ad una formazione scolastica ed in generale alla necessaria mediazione culturale e linguistica. I Frati Minori sono impegnati principalmente nella disponibilità della struttura di accoglienza, che comprende gran parte dell’area conventuale. Ma saranno presenti anche con gli stessi frati che abitano il convento di Gualdo Tadino, p. Emidio Paesani e p. Mario Misseri... (continua)


___________________________________________________________________________________________
Testata giornalistica iscritta al n. 5/11 del Registro della Stampa del Tribunale di Pisa
Proprietario ed Editore: Fabio Gioffrè
Sede della Direzione: via Socci 15, Pisa